Raccontaci di quando hai avuto difficoltà a lavorare con qualcuno

By Biron Clark

Published:

Domande e risposte ai colloqui di lavoro

Biron Clark

Biron Clark

Writer & Career Coach

Raccontaci di una volta in cui ti sei trovato a lavorare con qualcuno

Durante i colloqui di lavoro, è probabile che ti venga chiesto di un momento in cui hai avuto difficoltà a lavorare con qualcuno. Di seguito, condividerò esattamente come rispondere a questa domanda nel tuo prossimo colloquio, con esempi di risposta… Condividerò anche un errore critico che dovresti evitare quando risponderai, perché può costarti l’offerta di lavoro.

Cominciamo…

Perché i datori di lavoro fanno questa domanda al colloquio

Ecco perché i datori di lavoro ti chiedono se hai avuto difficoltà a lavorare con qualcuno: in quasi tutti i lavori ti capiterà di incontrare persone difficili, sia che si tratti di clienti, sia che si tratti di membri del team. Il datore di lavoro vuole sapere come gestirai le situazioni future e ritiene che il modo migliore per farlo sia capire come hai affrontato le persone difficili in passato.

I responsabili delle assunzioni, quindi, ascoltano alcuni fattori chiave nella tua risposta:

  • Vogliono assicurarsi che tu sia in grado di gestire conflitti e personalità difficili.
  • Vogliono capire come comunichi (e come ascolti).
  • E vogliono assicurarsi che il tuo approccio generale al lavoro con le persone si adatti all’attuale team e alla cultura del luogo di lavoro.

Come rispondere alle domande di un colloquio su un momento in cui è stato difficile lavorare con qualcuno

Le risposte migliori a questa domanda mostreranno come riesci a mantenere la calma e la professionalità e a concentrarti sull’ottenimento di un risultato positivo per l’azienda, anche se un membro del team o un cliente è difficile da gestire. Quando trovi un buon esempio per la tua risposta, cerca una storia che sia rilevante per il lavoro di cui stai parlando, che abbia avuto una risoluzione positiva e che ti abbia insegnato una lezione preziosa. Un avvertimento: questa domanda non è un invito a parlare male di te. I responsabili delle assunzioni non vogliono sentire le persone in cerca di lavoro lamentarsi della persona difficile; vogliono semplicemente sapere come hai gestito la sfida. Quindi, quando rispondi a questa domanda, spiega brevemente la situazione, la persona coinvolta e il motivo per cui è stato così difficile lavorare con questa persona. Concentrati di più sulla descrizione di come hai superato la sfida del dover lavorare con lei. In che modo hai fatto sì che la situazione avesse un esito positivo e cosa hai imparato? Le risposte migliori si concluderanno con una nota positiva. I responsabili delle assunzioni si preoccuperanno se condividi una storia negativa e ti soffermi sugli aspetti negativi dell’esperienza. Quando rispondi a questa domanda di colloquio, è fondamentale mostrare un atteggiamento e un risultato positivi. Ecco perché è un tocco di classe concludere la tua risposta condividendo una lezione che hai imparato.

Il miglior tipo di esempio/storia da scegliere

La maggior parte delle persone può pensare a più di una persona difficile con cui ha avuto a che fare, quindi quale tipo di storia è meglio scegliere per la tua risposta? La scelta migliore è quella di condividere una risposta che si adatti al ruolo che stai discutendo. Pensa a un esempio passato che si riferisca al modo in cui tratterai con le persone e comunicherai nel tuo prossimo lavoro. In un colloquio di lavoro, il datore di lavoro non decide solo se sembri intelligente e competente nel complesso. È molto più importante che tu sia in grado di svolgere questo lavoro e di gestirne gli aspetti tecnici, in base alle tue esperienze passate, alle tue capacità, ecc. Se stai facendo un colloquio per una posizione nel servizio clienti, cerca di trovare un esempio di cliente difficile e di come sei riuscito a conquistarlo. Se stai facendo un colloquio per un lavoro di vendita e hai una precedente esperienza nel settore, dai una risposta che dimostri come hai trasformato un potenziale cliente estremamente difficile in un cliente affezionato. Se il tuo ruolo è più incentrato sulla collaborazione e sulla comunicazione interna, fai un esempio specifico di come hai gestito una situazione difficile con un membro del team nel tuo ultimo lavoro. E se sei in cerca di un impiego entry-level, è ovvio che dovrai indicare qualcuno con cui è stato difficile lavorare nel tuo lavoro accademico. Potrebbe trattarsi di un membro della facoltà, di un compagno di classe o di squadra, ecc.

In generale, è più probabile che tu faccia una buona impressione sull’intervistatore se la tua risposta dimostra che sei preparato per l’esatto tipo di lavoro che dovrai svolgere in questa posizione.

6 caratteristiche che i responsabili delle assunzioni cercano nelle tue risposte

Quando rispondi alle domande di colloquio su un momento in cui hai dovuto lavorare con una persona difficile, potrai ottenere più facilmente il lavoro dimostrando le seguenti caratteristiche:

  1. Professionalità
  2. Forti capacità interpersonali e di ascolto
  3. Pazienza
  4. Un approccio che tenga conto dei migliori interessi dell’azienda
  5. Ottimismo e prospettive positive
  6. Capacità di imparare da esperienze difficili e di riconoscere gli elementi chiave di una situazione difficile

Se riesci a dare una risposta che mostri le caratteristiche di cui sopra, farai un’ottima impressione al colloquio di lavoro. A seguire, vediamo gli esempi di una valida risposta parola per parola…

Esempi di risposta a “Raccontami di un momento in cui hai avuto difficoltà a lavorare con qualcuno”

Abbiamo trattato molti passaggi ed elementi chiave che le migliori risposte dovrebbero includere. Mettiamo quindi insieme tutti i consigli di cui sopra.

Ecco un esempio di risposta parola per parola per descrivere un momento in cui hai avuto difficoltà a lavorare con qualcuno.

Esempio di risposta n.1:

Nel mio ultimo lavoro, l’azienda ha assunto un nuovo project manager che ha iniziato a supervisionare alcuni dei miei lavori. Aveva una personalità forte e diretta e non ero abituato a lavorare per una persona del genere. Era anche critico nei confronti del mio lavoro e sottolineava gli errori piuttosto frequentemente. Invece di reagire subito, mi sono preso un paio di giorni per pensare a come affrontare al meglio la situazione. Ho deciso che si trattava semplicemente del suo stile di leadership e che dovevo adattarmi. Mi sono reso conto che stava indicando le aree di miglioramento del mio lavoro perché parte del suo ruolo di leader era quello di aiutarmi a migliorare. Ho capito che aveva buone intenzioni, anche se non ero abituato al suo stile brusco. Così mi sono prefissato di imparare ad andare d’accordo con lui, a creare un rapporto e a incorporare i suoi suggerimenti e feedback nel mio lavoro. Alla fine ho instaurato un ottimo rapporto con lui e ho imparato molte lezioni preziose su come fare meglio il mio lavoro e avere successo in questo settore. L’esperienza mi ha insegnato molto su come lavorare con tutti i diversi tipi di personalità e su come accettare le critiche e i feedback nel modo giusto.

Esempio di risposta n.2:

Nel mio ultimo lavoro al servizio clienti, sono stato avvicinato da un cliente arrabbiato per una conversazione telefonica avuta con un altro operatore del servizio clienti. Si trattava del primo incontro tra me e il cliente, ma il cliente ha urlato fin dall’inizio. Ho fatto domande e ascoltato con calma per evitare di far degenerare la situazione, il che ha funzionato bene. Utilizzando l’ascolto attivo, sono riuscito a determinare il problema. Gli era stato promesso un rimborso completo per un prodotto difettoso, ma poi gli è stato detto che gli avremmo consegnato solo un prodotto sostitutivo. Sono riuscito a scusarmi per il disguido, ad assicurarmi che si sentisse ascoltato e compreso e a fornire una soluzione. In questo caso, aveva diritto a un rimborso e me ne sono occupato subito. Il cliente l’ha apprezzato ed è tornato due settimane dopo per acquistare un altro prodotto presso di noi, cosa che è stata fantastica. Il mio manager se n’è accorto e mi ha detto di aver apprezzato i miei sforzi per riconquistare la fiducia di questo cliente.

Esempio di risposta n.3:

Nel mio attuale ruolo di rappresentante commerciale, di recente ho dovuto condurre una riunione e una presentazione di vendita con un potenziale cliente con cui era piuttosto difficile comunicare. Era combattivo, aveva la sensazione di sapere già che il nostro prodotto non era adatto e non sembrava aperto ad assorbire nuove informazioni. Tuttavia, poiché mi sono preso il tempo di preparare una presentazione con esempi di come alcuni dei suoi concorrenti utilizzassero il nostro software e i loro dati e risultati reali, ha accettato di metterci alla prova per un progetto e di dare una possibilità alla nostra azienda. In questo caso, quindi, credo che la chiave per conquistare il cliente sia stata quella di prepararsi al meglio e di dimostrare esattamente cosa ci guadagnava e cosa si perdeva a non lavorare con noi.

Esempio di risposta n.4:

Nel mio ultimo lavoro, ho lavorato con un collega con cui era difficile collaborare. Questa persona non era affatto aperta al feedback o alla discussione del proprio lavoro e non sembrava interessata a fare gioco di squadra. Non ero nemmeno l’unica persona con cui aveva assunto questo atteggiamento. Il nostro project manager ha fatto fatica a integrare questa persona nel team. Tuttavia, ho trovato una soluzione:

ho parlato con questa persona e le ho spiegato che il motivo per cui facevo certe domande sul suo lavoro era per assicurarmi che fossimo sulla stessa lunghezza d’onda e per garantire il successo del progetto. Ho spiegato che non stavo controllando o giudicando il suo lavoro, ma semplicemente cercando di migliorare il progetto nel suo complesso. Incontrando e parlando con questa persona, l’ho aiutata a capire le mie esigenze e che avevamo lo stesso obiettivo finale: un progetto di successo che ci facesse fare bella figura in azienda. Chiarendo e comunicando meglio, ho risolto una situazione difficile e l’ho convinta a partecipare al lavoro di squadra. La sua comunicazione e l’etica del lavoro sono migliorate e anch’io sono riuscito ad eseguire un lavoro migliore dopo la nostra conversazione.

Il progetto si è rivelato ottimo e, sebbene più tardi questa persona abbia dato le due settimane di preavviso e abbia lasciato il team nel corso dell’anno, siamo riusciti a lavorare meglio insieme durante il suo periodo di permanenza nella squadra.

Utilizza il metodo STAR per organizzare le risposte

Per questa domanda di colloquio o per qualsiasi altra domanda comportamentale (domande che iniziano con frasi come “Descrivi un momento in cui…”) consiglio di organizzare la risposta con il metodo STAR, che è l’abbreviazione di:

  • Situation
  • Task
  • Action
  • Result (situazione, compito, azione, risultato)

In questo modo ti assicurerai di raccontare una storia chiara e concisa all’intervistatore e saprai dove iniziare e terminare la tua risposta. Altrimenti, uno dei modi in cui puoi sbagliare durante il tuo colloquio è quello di distrarti, non riuscire a raccontare una storia chiara e renderti conto che hai parlato per tre minuti e non sei ancora riuscito a descrivere ciò che volevi. Quindi, mentre ripensi a una persona difficile con cui hai lavorato, inizia dalla situazione. Di che lavoro si trattava? Quando è successo? Chi era la persona? Quindi, descrivi il compito da svolgere. In quale veste stavi lavorando con questa persona difficile e quale obiettivo dovevi raggiungere? Parla poi dell’azione o dell’approccio che hai adottato nel trattare con questa persona difficile. Infine, parla di come hai ottenuto un risultato positivo e descrivi le lezioni apprese grazie a questo collega o cliente difficile.

Ricorda di far sì che la storia suoni positiva. A meno che il responsabile delle assunzioni non chieda espressamente un esempio di un momento in cui hai fallito, non dovresti condividere una storia negativa.

Conclusioni e risultati principali

Ricapitolando, molte aziende ti faranno una domanda di colloquio su una volta in cui hai avuto a che fare con una persona difficile. Assicurati che la tua risposta dimostri professionalità, comunicazione, pazienza e capacità di problem solving. Quando ripensi alle persone difficili che hai incontrato, scegli un esempio che sia attinente al lavoro che desideri e che abbia avuto un esito positivo. In generale, quando rispondi alle domande comportamentali durante il colloquio, cerca di raccontare una storia chiara e concisa senza divagare. Utilizza il metodo STAR che ho spiegato in precedenza per organizzare la tua risposta, e punta a una risposta di 30-60 secondi. Dimostrando che sei stato in grado di ottenere un risultato positivo nonostante un conflitto passato, dimostrerai al responsabile delle assunzioni che puoi trasformare in un successo anche una futura situazione negativa, un conflitto o una persona difficile.

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.