Perché le persone non superano i colloqui: i 13 errori principali

By Biron Clark

Published:

Preparazione al colloquio

Biron Clark

Biron Clark

Writer & Career Coach

Ci sono 13 motivi comuni per cui le persone non superano i colloqui… dal non mostrare i tratti della personalità che i datori di lavoro vogliono vedere al non porre i giusti tipi di domande alla fine del colloquio.

Molte persone in cerca di lavoro vengono da me dicendo: “Continuo a non superare i colloqui”, ma non sono sicure di cosa possano fare in modo diverso (o se davvero esiste qualcosa che possano fare diversamente).

Fidati di me: qualcosa esiste. E condividerò tutto in questo articolo.

Cominciamo…

Se continui a non superare i colloqui di lavoro, il problema NON è il tuo curriculum

Sento molte persone in cerca di lavoro dire: “Non mi assumono ai colloqui, dev’essere solo perché nel mio curriculum non ho l’esperienza che cercano”.

Non è così.

Se il datore di lavoro ti ha invitato a un colloquio, vuol dire che il tuo curriculum gli è piaciuto.

Una volta che sei al colloquio, sta a te impressionarlo con il modo in cui descrivi la tua esperienza, con il tipo di atteggiamento che mostri, con le domande che poni alla fine, ecc.

Il tuo curriculum ha un solo compito: farti invitare ai colloqui. Se così succede, allora il tuo curriculum sta funzionando.

Passiamo ora ad alcuni possibili motivi che potrebbero farti perdere offerte di lavoro durante i colloqui.

Ecco i motivi principali per cui le persone non superano i colloqui di lavoro…

13 motivi comuni per cui le persone non superano i colloqui di lavoro:

1. Non hai fatto molte ricerche sul lavoro e sull’azienda

Non sottovalutare questa fase.

I datori di lavoro vogliono assumere qualcuno che sia scrupoloso e che lavori sodo, a prescindere dal lavoro per il quale stai facendo il colloquio.

Il primo passo per dimostrare che lavori sodo e che non ti risparmi è arrivare al colloquio conoscendo il lavoro e l’azienda.

Cerca di saperne di più di chiunque altro abbiano intervistato.

Studia la descrizione del lavoro e prendi nota delle responsabilità principali.

Fai anche una ricerca sull’azienda.

Cerca come facciano a guadagnare, chi siano i loro clienti, chi siano i loro principali concorrenti, quanto sia grande l’azienda (100 dipendenti, migliaia di dipendenti, ecc.) e altro ancora.

Prova a immaginare quello che sta facendo un’altra persona in cerca di lavoro, e poi fai il doppio di quello che fa lei. È così che ci si distingue.

È puro sforzo. Non ti serve il talento. Basta impegnarsi a fondo.

E i datori di lavoro si accorgono se hai fatto qualche ricerca in più.

Il tuo livello di sicurezza nel rispondere a domande come “Perché ti sei candidato qui?” o “Cosa sai di noi?” sarà completamente diverso se hai fatto ricerche approfondite. Il tuo intervistatore lo capirà e lo apprezzerà.

2. Non hai fatto loro molte domande

I datori di lavoro vogliono assumere una persona che sta cercando cose specifiche nella sua ricerca di impiego e che sa cosa vuole.

Altrimenti, temeranno che ti annoi, che il lavoro non ti piaccia, che te ne vada non appena trovi qualcosa di meglio, ecc.

E come puoi sapere che il lavoro è adatto a te se non fai domande?

Non fare abbastanza domande è quindi un enorme campanello di allarme per i datori di lavoro e li farà temere che non ti interessi davvero il tipo di lavoro che otterrai, che tu sia disperato e voglia solo un lavoro qualsiasi, o che stia cercando di fare il minimo indispensabile per essere assunto.

E tutti questi sono motivi per cui rischi di non superare i colloqui.

Devi porre almeno una o due domande a ogni persona che incontri. Se vuoi sapere quali domande fare, qui trovi una guida dettagliata sulle migliori domande da porre all’intervistatore.

3. Non hai inviato un’e-mail di ringraziamento a ogni persona incontrata

Questo è un altro modo per dimostrare di essere un gran lavoratore che fa qualcosa in più per spingersi al di là di ciò che è richiesto, e non qualcuno che si risparmia o aspetta che gli venga chiesto di fare qualcosa.

E quale tipo di persona pensi che i datori di lavoro stiano assumendo?

Consiglio di inviare un’e-mail di ringraziamento a ogni persona che hai incontrato faccia a faccia durante un colloquio. Inviala il giorno successivo all’ora di pranzo o la sera dopo il colloquio, quando arrivi a casa.

Se non sei sicuro di cosa inviare, puoi utilizzare questa guida passo-passo con esempi.

4. Hai dato risposte incoerenti, hai mentito o non sei sembrato degno di fiducia

È importante essere autentici e ammettere di non sapere qualcosa, dimostrando poi di essere disposti a impararla.

Il merito di questa idea va a un lettore su LinkedIn che ha dato questa risposta quando ho chiesto dei consigli sottovalutati per i colloqui.

perché le persone non superano i colloqui

Dire di “no” è meglio che dare una risposta prolissa.

Talvolta va bene dire a un colloquio “Non sono sicuro” o “No, non l’ho mai fatto prima, ma mi piacerebbe impararlo”.

È molto meglio che cercare di mentire o dare una risposta prolissa e confusa. I responsabili delle assunzioni sono intelligenti. Sanno quando lo fai.

E se non pensano di potersi fidare di te, non ti assumeranno.

La prossima volta che sarai tentato di mentire durante un colloquio, quindi, ricorda che essere sincero e onesto può farti guadagnare molti punti di simpatia con il responsabile delle assunzioni, e a volte potrà valere il lavoro!

Sentirsi sotto pressione per rispondere di “sì” a ogni domanda o comportarsi come se si sapesse tutto è un motivo comune per cui le persone non riescono a essere assunte durante i colloqui di lavoro.

I responsabili delle assunzioni NON si aspettano che tu possa dire di aver fatto ogni singola cosa che ti chiedono.

Infatti, un buon intervistatore ti chiederà alcune cose che non sai. In che altro modo possono trovare i tuoi limiti?

Tienilo a mente per il prossimo colloquio.

5. Non sei in grado di spiegare cosa stai attualmente cercando nella tua ricerca di lavoro

Questo è un aspetto che molte persone in cerca di lavoro non notano o che semplicemente sottovalutano.

I datori di lavoro vogliono sempre qualcuno che abbia un obiettivo specifico nella propria ricerca di impiego.

Se non sembra che tu abbia pensato a cosa fare in seguito nella tua carriera, i datori di lavoro temeranno che tu cambi idea e che te ne possa andare, che il lavoro non ti piacerà e che ti annoierai, ecc.

Se vuoi più offerte di lavoro, quindi, dimostra ai datori che sai cosa vuoi fare!

E se sei disoccupato, tieniti pronto a spiegare perché hai lasciato il tuo ruolo precedente. Ecco 20 buoni esempi di risposta.

Inoltre, assicurati di aver preparato una buona risposta alla domanda “parlami di te”. Spesso è la prima cosa che ti chiedono ed è un modo per raccontare la tua storia e per aggiornarli su ciò che stai attualmente cercando. (È così che consiglio di terminare la risposta a “parlami di te”).

6. Non sei riuscito a spiegare perché vuoi proprio il loro lavoro

Dopo aver dimostrato che sai cosa stai cercando nella tua ricerca di lavoro, tieniti pronto a spiegare come il loro specifico impiego si inserisca in questo contesto!

In questo caso ti sarà utile fare ricerche. Esamina attentamente la descrizione del lavoro, in modo da poter indicare le responsabilità che non vedi l’ora di svolgere e con cui acquisire competenze.

I datori di lavoro amano fare domande come “perché ti sei candidato per questa posizione?” per verificare se hai ragioni specifiche per candidarti.

E non otterrai molte offerte di lavoro dicendo che hai solo bisogno di un impiego, o che devi pagare le bollette, o che sei disoccupato e devi trovare lavoro.

Ho parlato con tante persone in cerca di lavoro che non capiscono questa cosa o che si sentono frustrate quando gliela spiego.

Dicono: “Ho solo bisogno di un lavoro. Perché devo comportarmi come se il loro lavoro fosse speciale?”.

La verità è che se non ti interessa il loro lavoro, probabilmente troveranno qualcuno che invece lo fa. Questo è un probabile motivo per cui le persone non superano i colloqui e non vengono assunte.

Consiglio di pensare di più a ciò che vuoi fare, e poi di fare domanda solo per quel tipo di lavoro.

Restringi la ricerca di impiego. Candidati a meno tipi di lavoro, ma fai in modo che questi siano più adatti.

E non mi riferisco solo ai lavori per i quali sei qualificato, ma anche a quelli che desideri davvero! Ecco cosa intendo quando parlo di “più adatti”.

Otterrai più offerte di lavoro se riuscirai a spiegare esattamente il motivo della tua candidatura.

7. Non hai mostrato eccitazione/entusiasmo

I responsabili delle assunzioni vogliono qualcuno che entri in azienda e sia positivo, energico ed entusiasta del lavoro.

Va bene se non sei la persona più rumorosa ed energica. Neanche io lo sono.

Ma devi “alzare il tiro” e mostrare un po’ di entusiasmo.

Se ti parlano di una parte del lavoro che sembra interessante, dillo! Prova a dire: “È fantastico. Sembra davvero interessante” almeno una o due volte nel corso di un colloquio in cui ti stanno dando informazioni sulle mansioni del lavoro.

Stai per entrare a far parte del loro team e vogliono qualcuno che sia energico, entusiasta e che abbia a cuore il lavoro.

8. Sei stato troppo umile

Non dimenticare che il tuo compito in un colloquio è quello di vendere te stesso.

Se da un lato è bene essere umili e onesti, dall’altro non bisogna mai essere troppo timidi nel dire cosa si è bravi a fare e cosa si farà per l’azienda.

Parla dei risultati ottenuti in passato. Parla di ciò che sai fare meglio. In cosa sei esperto?

Per quale motivo i colleghi si sono rivolti a TE in passato?

Hai addestrato qualcun altro? Il tuo capo ha chiesto il tuo aiuto per qualche argomento in passato?

Che cosa hai trascorso più tempo a fare nella tua carriera?

Se ti sei appena laureato, su cosa ti sei concentrato nel percorso di studi?

Sei un esperto di queste cose, quindi comportati come tale. I datori di lavoro vogliono assumere qualcuno che abbia competenze specialistiche e che sia in grado di aiutarli fin da subito. Non essere timido nel mostrarlo.

Per iniziare, prepara una buona risposta alla domanda “qual è il tuo più grande risultato?“.

Scegli qualcosa di recente, se possibile, che dimostri una serie di competenze utili anche per questo lavoro.

Pensa anche a come risponderesti a domande come queste:

9. Non hai fatto in modo che si parlasse di LORO

Oltre a mostrare le tue competenze, assicurati di mostrare chiaramente come queste competenze possano aiutare l’azienda in questo lavoro.

Questo è un aspetto che la maggior parte delle persone in cerca di lavoro non guarda ed è un motivo importante per cui molti non superano i colloqui.

La maggior parte delle persone in cerca di lavoro pensa che il colloquio riguardi solo loro stesse. La chiave per ottenere un maggior numero di offerte di lavoro consiste nel fare in modo che le proprie risposte riguardino anche il datore di lavoro.

Parla di come le tue competenze si adattino al lavoro aziendale.

In che modo i risultati ottenuti in passato ti permetteranno di avere successo nelle mansioni che svolgerai per loro?

Se non studi attentamente la descrizione del lavoro, non puoi nulla di tutto ciò.

Se non lo fai durante la preparazione, probabilmente è per questo che continui a non superare i colloqui.

Se vuoi degli esempi di risposte valide a un colloquio, leggi questo articolo.

10. Non hai dato l’impressione di essere “addestrabile”

I responsabili delle assunzioni non vogliono assumere qualcuno che sembra testardo o non disposto a imparare a fare le cose a modo loro… a prescindere dal talento mostrato.

Ogni azienda fa le cose in modo un po’ diverso e i datori si aspettano che tu impari il loro metodo di lavoro (anche se in passato hai svolto questo stesso impiego).

Quindi dimostra sempre di avere una mentalità aperta e di essere disposto ad adattarti a nuove idee.

Ogni responsabile ha collaborato con qualche dipendente che ha talento ma che si rifiuta di seguire il modo di fare dell’azienda, e questo rapporto non è divertente. Non vogliono assumere un’altra persona del genere.

11. Il tuo linguaggio del corpo o il tuo aspetto non erano eccellenti

Le persone si giudicano visivamente prima di ogni altra cosa. In una frazione di secondo, il responsabile delle assunzioni costruisce la sua prima impressione osservando la tua espressione facciale e il linguaggio del corpo.

Vale quindi la pena di vestirsi bene per i colloqui e di assicurarsi di avere un linguaggio del corpo sicuro per tutta la durata del colloquio.

Esercitati ad avere una buona postura, sia da seduto che camminando o stando in piedi.

Mantieni il contatto visivo quando parli e ascolti. (Per molti è più difficile farlo mentre si parla.)

Non incrociare le braccia e non assumere una posizione difensiva quando ti siedi. Cerca di sederti in modo da sembrare rilassato e a tuo agio.

Inoltre, evita di battere le mani o i piedi o di fare qualsiasi altra cosa che possa distrarre l’intervistatore.

Per un ulteriore aiuto in questo senso, qui abbiamo un articolo completo su come mostrare sicurezza nei colloqui di lavoro. (Inclusa un’immagine di come si presenta una postura difensiva e come evitarla quando ci si siede al colloquio).

Questi possono sembrare piccoli dettagli, ma l’impressione che dai visivamente è spesso importante quanto le parole che pronunci.

Se dici le cose “giuste” ma non ti presenti con un aspetto che le confermi, questo potrebbe essere il motivo per cui non riesci a superare i colloqui.

12. Non hai instaurato un rapporto con il responsabile delle assunzioni

Durante il colloquio di lavoro, non dimenticare che stai parlando con una persona reale.

Il responsabile delle assunzioni sta decidendo chi inserire nel proprio team e con cui lavorare ogni giorno nel futuro prossimo.

Per questo è importante creare un legame personale.

Se ti chiedono qualcosa di te, prova a fare una domanda a tua volta. (Per esempio, se ti chiedono se hai praticato qualche sport all’università, puoi rispondere dicendo: “e lei?”)

Inoltre, quando ti siedi, cerca di dare un’occhiata all’ufficio dell’azienda per vedere se c’è qualcosa che puoi usare in una conversazione. Ad esempio, hanno foto dei loro figli che praticano sport, ecc.?

Di recente ho avuto una discussione in merito su LinkedIn, quando ho chiesto alle persone i loro consigli preferiti per distinguersi durante i colloqui di lavoro:

non costruire un rapporto - perché alcune persone in cerca di lavoro non superano i colloqui

I responsabili delle assunzioni si ricorderanno di te per questo.

Non andare completamente fuori strada se stanno cercando di discutere con te del lavoro, ma impara una o due cose su di loro e dimostra di essere interessato a conoscerli come persone prima della fine del colloquio.

13. Le tue capacità non erano quelle necessarie

Ora abbiamo analizzato 12 probabili motivi per cui le persone non superano i colloqui di lavoro. In definitiva, è anche possibile che ti abbiano invitato a un colloquio e poi si siano resi conto che il tuo background non è proprio quello di cui hanno bisogno.

Succede.

Ma spesso si tratta di qualcos’altro. Spesso è uno degli altri 12 fattori che abbiamo esaminato sopra.

Se continui a non superare i colloqui, quindi, fai attenzione ai fattori che puoi controllare. Non dare la colpa alla sfortuna o al tuo curriculum (che ora sai non essere il problema, se hai letto l’inizio di questo articolo).

Puoi controllare e cambiare molte cose per iniziare a ricevere offerte di lavoro, invece di continuare a non superare i colloqui.

Una persona in cerca di lavoro, che ha letto di recente una guida ai colloqui che ho scritto, mi ha detto questo riguardo alle convinzioni che aveva prima di leggerla:

Non avevo idea di come fare davvero un colloquio. I miei amici mi dicevano: “Fai del tuo meglio, perché non hai tu il controllo”.

Credo che molte persone pensino che il successo o meno di un colloquio sia fuori dal loro controllo. E si sbagliano.

Ha poi aggiunto:

“Nel giro di dieci-quindici minuti, mi sono reso conto di aver fatto colloqui sbagliati per tutto il tempo. Mi concentravo troppo nel semplice rispondere alle domande su di me degli intervistatori. Ora so che devo mettere in relazione i miei punti di forza con le mansioni lavorative e mostrare loro come li aiuterei a svolgere le mansioni”.

Credo che questo illustri il punto che sto cercando di fare: che puoi cambiare le cose e smettere di non superare i colloqui.

È sotto il tuo controllo.

Spero che questo articolo riesca a convincerti di questo.

Le persone che ti dicono che è tutta fortuna o che non puoi cambiare nulla non sanno di cosa stanno parlando.

Quindi continua a provare, continua ad andare avanti. Ti manca solo un buon colloquio per ottenere un lavoro.

Ma cambia qualcosa se continui a essere respinto e a non superare i colloqui. Le fasi sopra descritte sono il punto di partenza.


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.