le migliori scuse per non andare al lavoro

Se devi assentarti dal lavoro, anche con un breve preavviso, questo articolo ti fornirà le 9 migliori scuse per farlo. Farsi dare un giorno libero sul lavoro non dovrebbe essere difficile, ma se fornisci una motivazione sbagliata, il capo potrebbe dubitare di te e in alcuni Stati potrebbe addirittura farti licenziare. Continua a leggere per scoprire 9 scuse credibili per non andare al lavoro, anche all’ultimo minuto.

9 buone scuse per assentarsi dal lavoro

1. Sei malato

Dire che ti senti male è una delle migliori scuse per non lavorare. Un’azienda/un capo non ti vorrà in ufficio se sei malato e possibilmente contagioso.  Non solo, ma dato che ci vogliono almeno uno o due giorni per riprendersi da una tipica malattia, è un modo infallibile per assentarsi dal lavoro per almeno un giorno intero (mentre se dici di avere un appuntamento dal dentista, è probabile che il tuo capo ti chieda: “A che ora è l’appuntamento e puoi venire dopo?”). Dire al tuo capo che ti senti male è uno dei modi più semplici e migliori per assentarsi dal lavoro con poco preavviso, grazie ai fattori sopra descritti.

Utilizza questi modelli di e-mail per i giorni di malattia per richiedere un giorno libero senza problemi.

Se ti dai malato, sappi che alcuni datori di lavoro particolarmente severi o all’antica potrebbero richiedere una nota del medico come prova della malattia al tuo ritorno e, se il tuo capo o la tua azienda sono orribili, potrebbero comunque farti pressione per farti venire al lavoro. Se anche tu hai questa preoccupazione o se in passato hai provato questa scusa per assentarti dal lavoro e hai avuto problemi, continua a leggere per avere altre idee…

2. Stai assistendo un bambino o un familiare malato

Oltre a darsi malati, c’è un’altra scusa altrettanto valida per prendersi un giorno o più di ferie: prendersi cura di un figlio o di un familiare malato. Questi sono entrambi motivi validi per perdere un giorno di lavoro e si qualificano come un’emergenza che la maggior parte dei datori di lavoro comprenderà. Dire che devi assistere un bambino malato è una delle scuse migliori da usare all’ultimo minuto, anche il giorno stesso del tuo turno di lavoro. Puoi semplicemente chiamare e dire: “Mi dispiace ma mio figlio si sente male e non c’è nessun altro che possa occuparsene con così poco preavviso. Dovrò prendermi un giorno per gestire questa emergenza e tornerò al lavoro domani”. Le emergenze familiari possono capitare e la maggior parte dei datori di lavoro capirà e sarà comprensiva quando ti metterai in malattia per un motivo medico. Se non ti senti a tuo agio nello sfruttare la salute come giustificazione per assentarti dal lavoro, continua a leggere per altre idee e scuse…

3. Hai un’emergenza familiare

Un’emergenza familiare è uno dei motivi migliori per chiedere un giorno libero dal lavoro, perché di solito non dovrai affrontare molte domande e non dovrai entrare troppo nei dettagli. Il capo tipico accetterà rapidamente questa scusa per assentarti dal lavoro senza troppe domande o dubbi. Potrebbero anche non chiederti quando sarai in grado di tornare e dire: “Fammi sapere se sei in grado di venire domani”. Tuttavia, un aspetto negativo dell’utilizzo di questa scusa per assentarsi dal lavoro è che quasi sicuramente ti verrà chiesto se la situazione è migliorata una volta tornato al lavoro. Non dimenticare quello che hai detto quando ti sei dato malato, in modo da non essere colto alla sprovvista quando il tuo capo ti chiederà: “Com’è andata a finire l’emergenza familiare? È tutto a posto ora?” In caso contrario, questa è una scusa valida e affidabile che puoi comunicare al tuo capo per assentarti dal lavoro, anche con poco preavviso.

4. Hai un’intossicazione alimentare

Di solito non è il caso di essere troppo specifici quando si dice di essere malati per giustificare la propria assenza dal lavoro. Non è necessario fingere colpi di tosse, essere drammatici o fornire troppi dettagli. Tuttavia, un dettaglio in più che puoi fornire è quello di dire che pensi di avere un’intossicazione alimentare. Questa è una delle scuse più legittime e credibili per assentarsi dal lavoro, soprattutto il giorno del tuo turno, poiché la maggior parte delle persone capisce quanto possa essere grave e inaspettata un’intossicazione alimentare.  Quindi, se devi assentarti dal lavoro con poco preavviso e non vuoi subire le pressioni del tuo capo per rientrare, questo è un buon motivo che quasi sicuramente ti farà assentare dal lavoro per un giorno. Tuttavia, è probabile che si aspettino che ti presenti il giorno successivo o, al massimo, due giorni dopo. Quindi questa non è una buona scusa da usare se devi assentarti dal lavoro per più di due giorni, ma è un buon motivo per mancare dal lavoro per un giorno.

5. Emicrania

L’emicrania è un’altra buona scusa per mancare a un’intera giornata di lavoro con poche probabilità di essere interrogati, poiché la maggior parte dei dirigenti sa quanto possa essere debilitante un attacco di emicrania. Inoltre, a differenza di chi si inventa un altro problema medico o dice di avere un appuntamento dal dottore, non dovrai raccontare al tuo capo una storia elaborata o continuare a mentire al tuo ritorno in ufficio. L’emicrania di solito passa, con o senza trattamento, quindi il giorno dopo puoi semplicemente andare al lavoro e dire: “Mi sento molto meglio, grazie”, se qualcuno te lo chiede. Per i motivi sopra esposti, l’emicrania è una buona scusa per assentarsi dal lavoro, soprattutto con poco preavviso. Se il tuo capo ti fa domande o dubita di te, di’ semplicemente che riesci a malapena a guardare la luce e che in questo momento sei sdraiato al buio mentre fai questa telefonata. Se riesci a malapena ad alzarti o a guardare la luce, i datori di lavoro sapranno che non puoi svolgere il tuo lavoro. Probabilmente, quindi, accetteranno questa scusa e ti diranno semplicemente di tornare al lavoro il prima possibile.

6. Devi occuparti di un animale domestico malato

Anche gli animali domestici sono ottimi motivi per assentarsi dal lavoro, ma non è una scusa da usare regolarmente. Tuttavia, se usata una sola volta, può essere un buon motivo per mancare dal lavoro. Per utilizzare questa scusa, è sufficiente comunicare al tuo datore di lavoro che il tuo animale domestico non si sente bene e che dovrai recarti a un appuntamento d’emergenza dal veterinario o stare con lui mentre gli somministri dei farmaci.

7. Hai un appuntamento con il dentista o con il medico all’ultimo minuto

La prossima scusa per assentarsi dal lavoro è la visita dal medico o dal dentista. Se da un lato questi motivi ti permetteranno di assentarti dal lavoro con poco preavviso, dall’altro potrebbero indurre il tuo capo a chiederti perché non glielo hai detto prima e a chiederti un certificato medico o un’altra prova dell’appuntamento. Questo dipende dal tuo specifico datore di lavoro. Tuttavia, può capitare di avere un problema dentale o medico di emergenza e a volte notiamo qualcosa che ci mette in ansia e che vogliamo far controllare il prima possibile. Quindi non dovresti avere problemi a dire:

“C’è qualcosa che voglio far controllare con urgenza e il mio medico/dentista ha avuto una cancellazione dell’ultimo minuto e mi ha offerto un appuntamento oggi”.

In passato ho avuto datori di lavoro di cui sapevo che si fidavano ciecamente di me e questo sarebbe stato un modo semplice per lasciare il lavoro, proprio come tutte le scuse di cui sopra. Tuttavia, se il tuo datore di lavoro è meno fiducioso e pensi che ti farà delle domande di approfondimento, allora è meglio che tu usi scuse diverse da questa per assentarti dal lavoro.

8. Hai problemi con l’auto

Se ti affidi alla tua auto per andare al lavoro, puoi dire che hai un problema all’auto e che stai aspettando che qualcuno venga a dare un’occhiata. Tuttavia, potresti trovarti di fronte a domande successive del tipo: “Puoi prendere un autobus? Abbiamo davvero bisogno di te qui oggi”. È la scusa migliore se non c’è altro modo per raggiungere il posto di lavoro e se devi assentarti dal lavoro solo per un giorno. Dopo un giorno, il tuo capo potrebbe iniziare a farti pressione per trovare un mezzo di trasporto alternativo. Naturalmente, se il tuo capo è accomodante e ha un lavoro che può essere svolto da casa, potrebbe permetterti di lavorare da casa per tutta la settimana mentre la tua auto viene riparata. Tutto dipende dal tuo capo e dal tuo lavoro specifico, quindi dovrai usare il tuo buonsenso per decidere se usare questa o un’altra scusa quando ti assenti dal lavoro.

9. Hai un problema domestico

Puoi anche dire che c’è un problema domestico che ti obbliga a rimanere a casa. Ad esempio, potresti dire che hai un tubo dell’acqua che perde e che devi rimanere a disposizione fino a quando l’addetto alle riparazioni non avrà finito. Oppure potresti dire che stai aspettando una consegna importante e che la società di consegna ti ha detto che devi firmare di persona il pacco oggi stesso. Questi sono tutti buoni motivi per cui non puoi andare al lavoro, senza dover tirare in ballo la salute o altre scuse personali. Quindi, se ti senti più a tuo agio con questo stratagemma, avrai un’altra scusa accettabile per non lavorare. Tuttavia, c’è una cosa da tenere a mente: il tuo manager potrebbe chiederti di spiegare perché non gliene hai parlato prima. Potresti dire che glielo hai fatto sapere non appena l’hai scoperto, ma rifletti sul fatto che la cosa sia realistica o meno prima di usare questo motivo per restare a casa.

Puoi dire che ti senti stanco come scusa per non andare al lavoro?

Anche se sempre più aziende accettano l’idea di una giornata dedicata alla salute mentale senza un motivo specifico o un’emergenza, questa scusa è più efficace se richiesta con uno o due giorni di anticipo. La stanchezza generale non è uno dei motivi migliori per mancare dal lavoro il giorno del tuo turno, perché il tuo capo si chiederà perché non hai pianificato e comunicato l’assenza in anticipo. Anch’io ho avuto lavori orribili e capisco la sensazione di panico che si prova al mattino quando si è semplicemente sopraffatti e si ha voglia di prendersi un giorno libero. Tuttavia, ti consiglio di usare una delle scuse di cui sopra se hai intenzione di assentarti dal lavoro all’ultimo minuto. Se il preavviso è breve, è meglio prendere un giorno di malattia piuttosto che un giorno di salute mentale. Conserva il giorno personale o il giorno della salute mentale per quando sarai in grado di richiederlo con almeno uno o due giorni di anticipo.

È un brutto segno quando trovi delle scuse per non lavorare?

Tutti si assentano dal lavoro di tanto in tanto e non è necessariamente un brutto segno il fatto che tu debba prenderti un giorno di ferie inaspettato. Tuttavia, se non informi il tuo datore di lavoro con sufficiente anticipo e crei delle difficoltà, come ad esempio problemi di programmazione, il tuo capo potrebbe infastidirsi. Non devi sentirti in colpa se dici al tuo datore di lavoro che hai bisogno di un giorno di ferie per uno dei motivi di cui sopra, ma dagli il maggior preavviso possibile e non assentarti con regolarità.

Si può essere licenziati per essersi dati malati?

In molti Stati il lavoro è considerato “a tempo indeterminato”, il che significa che il datore di lavoro può tecnicamente licenziarti se ti dai malato. Ogni Stato, tuttavia, garantisce ai dipendenti diritti diversi. A prescindere dal luogo in cui vivi, è improbabile che un datore di lavoro ti licenzi per aver preso un giorno di malattia o per esserti assentato dal lavoro occasionalmente.

Scuse ed errori superficiali: cosa non dire quando ti dai malato

Se hai letto tutto quello che c’è scritto sopra, ora hai diverse buone scuse per non andare al lavoro. Per concludere, ecco un paio di errori da evitare e di scuse superficiali per assentarsi dal lavoro. In primo luogo, non devi mai dire nulla che faccia pensare che tu non abbia pianificato tutto o che non abbia avvisato tempestivamente. Non dare una motivazione che suoni come qualcosa che avresti dovuto sapere giorni prima. Pensa sempre a come suona la tua scusa prima di chiamare con poco preavviso. Chiediti: “È realistico che io lo scopra solo all’ultimo minuto?” Altrimenti, scegli un’altra scusa per restare a casa.

L’altro grande errore da evitare è l’eccesso di spiegazioni. Non è necessario condividere ogni dettaglio quando si spiega perché non si può venire al lavoro per un giorno. Se dici di avere un figlio malato, non devi condividere ogni sintomo come prova che non si senta bene. Se devi dire che sei malato, non devi cercare di tossire al telefono o sembrare infelice. Sii chiaro e diretto, fornisci la scusa generale/il motivo per cui ti assenti dal lavoro e poi smetti di parlare e vedi come risponde il tuo capo. Quando ti prendi un giorno libero dal lavoro, spesso è meglio fornire pochi dettagli. Scegli uno dei motivi dell’elenco precedente per assentarti, spiegalo brevemente e poi fermati. Anche le scuse migliori possono essere rovinate parlando troppo o continuando a “vendere” la tua storia dopo che il tuo capo probabilmente ha già accettato la richiesta. Quindi smetti di parlare e lascia che siano loro a rispondere una volta date le informazioni di base.

Per concludere: scuse valide per non lavorare

Tutti noi abbiamo bisogno di assentarci dal lavoro all’ultimo minuto, a volte. Se utilizzi una delle scuse di cui sopra e comunichi al tuo manager in modo breve e diretto che non potrai venire al lavoro quel giorno, avrai le migliori possibilità di ottenere il giorno libero senza suscitare sospetti o esporti a conseguenze. Per rendere più agevole la procedura, chiama o invia un’e-mail al datore di lavoro il prima possibile. Non aspettare l’ultimo minuto, se puoi evitarlo. E ricorda di essere pronto a rispondere a eventuali domande di approfondimento quando tornerai al lavoro e incontrerai il tuo manager. Una o due domande di verifica non significano che il tuo capo è sospettoso, ma semplicemente che si preoccupa abbastanza da verificare che la tua situazione sia migliorata.

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.