cosa puoi apportare all'azienda e al lavoro - risposte al colloquio

Ci sono un paio di motivi per cui i datori di lavoro chiedono cosa tu possa apportare alla loro azienda o al loro lavoro, e devi essere pronto a rispondere con sicurezza se vuoi essere assunto! In questo articolo ti spiegherò perché gli intervistatori fanno questa domanda, quali sono le qualità che cercano, i modi migliori per rispondere e diversi esempi di risposta.

Cominciamo…

Perché i datori di lavoro chiedono cosa puoi apportare al lavoro o all’azienda

I datori di lavoro fanno questo tipo di domanda per vedere se sei sicuro delle tue capacità, per sentire quali sono i tuoi principali punti di forza e per sentire con parole tue quale sarebbe il tuo contributo in caso di assunzione. Vogliono anche assicurarsi che tu abbia fatto le dovute ricerche sul lavoro e sull’azienda. I responsabili delle assunzioni vogliono assumere qualcuno che faccia ricerche sui datori di lavoro e che si prenda il tempo necessario per presentare la propria candidatura e cercare la posizione ideale, non solo il primo lavoro che trova. Non vogliono mai assumere qualcuno che si candida a centinaia di posizioni senza pensare se il lavoro è adatto a loro persona.

Quindi la tua risposta deve sempre dimostrare che ti sei preso del tempo per capire il loro ruolo e la loro organizzazione e che hai pensato al motivo per cui sei adatto a ricoprire il posto!

Ora che sai perché i datori di lavoro lo chiedono, vediamo come rispondere. A breve parleremo di due diverse varianti di questa domanda:

  1. Cosa puoi apportare all’azienda?
  2. Cosa puoi apportare al lavoro?

1. Come rispondere alla domanda “Cosa puoi apportare a questa azienda?”

Quando un responsabile delle assunzioni fa un colloquio con te, pensa sempre prima di tutto a come ti adatterai al suo lavoro specifico. Hanno pubblicato questo annuncio perché hanno bisogno di aiuto in aree specifiche. Quindi, anche se sembra che ti stiano chiedendo cosa potresti apportare all’azienda o al team in generale, ti consiglio di parlare prima del lavoro stesso! Dopodiché puoi concludere parlando di come potresti aiutare l’azienda in generale, ma inizia con il valore che apporterai al ruolo per cui sei stato preso in considerazione. E quando rispondi, è meglio indicare competenze specifiche legate al lavoro, non competenze relazionali. Non è il momento di dire: “Sono un gran lavoratore, sono attento ai dettagli, ho un’eccellente capacità di risolvere i problemi…”. Invece, è meglio dire: “Ho trascorso gli ultimi quattro anni lavorando a progetti di graphic design e branding, che sembra essere l’obiettivo principale anche di questo ruolo. Non solo, ma ho fatto tutto questo nella stessa area in cui operate voi, quindi non avrò bisogno di tempo supplementare per imparare i dettagli del settore”.

Dopo di che puoi menzionare una o due competenze relazionali. Per esempio, potresti dire: “Mi piace anche far parte di un ambiente collaborativo e orientato al lavoro di squadra, che secondo il sito web della vostra azienda è una parte importante della cultura di questo posto. Questo è un altro aspetto positivo che sento di poter apportare al team”.

Va bene terminare in questo modo se ritieni che sia utile per dimostrare che saresti adatto alla loro organizzazione, ma non è questo il modo in cui dovresti iniziare. Lo vedremo di nuovo nel prossimo esempio di risposta.

Esempio di risposta al colloquio:

Ho visto che nella descrizione del lavoro c’è scritto che serve qualcuno che abbia una vasta esperienza nella gestione delle risorse umane. Ho lavorato come responsabile delle risorse umane negli ultimi cinque anni e credo che un contributo fondamentale che apporterei a questo ruolo e all’azienda sia la mia familiarità con il vostro settore. La mia ultima posizione era in questo stesso settore, quindi conosco bene il luogo di lavoro. Sono anche una persona che sa prendere l’iniziativa e risolvere i problemi senza essere interpellata. Dalla descrizione del lavoro, sembra che la vostra azienda apprezzi le persone che agiscono da sole e sono in grado di lavorare in modo indipendente, quindi questo è un altro aspetto che apporterei a questa organizzazione.

Questa risposta si concentra sulle competenze specifiche del lavoro (gestione delle risorse umane) e prosegue con le competenze che si adattano alla cultura aziendale in generale, proprio come ho detto prima. Questo tipo di risposta impressionerà il datore di lavoro e ti farà fare un passo avanti verso l’offerta definitiva.

Per tua informazione, è possibile che ti vengano poste anche un paio di varianti comuni a questa domanda, come la seguente:

  • Quale valore puoi apportare all’azienda?
  • Cosa puoi apportare alla squadra?
  • Cosa apporteresti all’azienda in caso di assunzione?

Sono TUTTE molto simili e puoi rispondere a tutte queste domande nello stesso modo!

2. Come rispondere alla domanda “Cosa puoi apportare a questo lavoro?”

Se il datore di lavoro ti chiede cosa apporteresti al lavoro specifico, la tua risposta deve essere al 100% incentrata sul motivo per cui saresti in grado di svolgere al meglio il tuo ruolo. In questo caso, è ancora più importante evitare di parlare di competenze relazionali e conoscenze generali e concentrarsi invece su competenze ed esperienze specifiche che ti aiuterebbero a conquistare la posizione e ad avere successo. Non è nemmeno il momento di parlare dei tuoi obiettivi di carriera, dei tuoi valori, ecc. Stanno cercando esempi della tua capacità di fare bene il tuo lavoro se verrai assunto per questa opportunità. Puoi parlare di precedenti lavori simili, dell’istruzione e della formazione che possiedi, ecc. Ma limitati a ciò che puoi offrire e che è rilevante per la posizione per cui stai facendo il colloquio!

Esempio di risposta al colloquio:

Nella vostra descrizione del lavoro ho visto che questo ruolo implica l’interazione diretta con i clienti al telefono e di persona per la maggior parte del tempo. Questo è uno dei miei maggiori punti di forza e lo faccio da cinque anni. Nel mio ultimo ruolo, ho gestito i conti di 22 clienti per un valore di 104 milioni di euro per la nostra azienda. Ero anche responsabile della crescita di questi clienti e della vendita di nuovi servizi. Ho visto che ne avete parlato anche nella vostra descrizione del lavoro. Potete dirmi qualcosa di più su questo aspetto della posizione?

Puoi rispondere ad altre domande comuni nei colloqui con la stessa formula…

Se studi e fai pratica con le domande di cui sopra, sarai preparato anche a rispondere ad altre domande comuni nei colloqui, come queste:

Queste domande chiedono più o meno la stessa cosa… i datori di lavoro vogliono assicurarsi che i candidati abbiano fatto le dovute ricerche sul ruolo e scoprire quali qualità hai che potrebbero essere utili se venissi assunto per questa posizione.

Errori da evitare nelle risposte

Ci sono un paio di errori importanti che devi evitare quando rispondi a questa domanda. Innanzitutto, non è il momento di essere umili o di avere paura di parlare bene di se stessi! È giusto mostrarsi sicuri di sé e mostrare ciò che apporteresti al ruolo o che ti distingue dagli altri candidati. Inoltre, come già detto, è un grave errore affrontare il colloquio di lavoro senza essersi documentati sull’azienda e aver letto attentamente la descrizione dell’impiego. Se non fai delle ricerche, non potrai rispondere bene a questa domanda durante il colloquio (e avrai difficoltà anche con molte altre domande comuni). Quindi non saltare questo passaggio nella tua ricerca di impiego!

Questo è tutto ciò che consiglio di fare per prepararsi a un colloquio di lavoro.

Infine, è un errore dire che non lo sai. L’intervistatore vuole una risposta specifica quando chiede cosa apporteresti alla sua azienda e alla sua posizione. Non dire mai qualcosa del tipo: “Non sono sicuro. Ho solo bisogno di un lavoro”. Preparati invece rivedendo gli esempi di risposta che abbiamo esaminato e facendo ricerche sulla descrizione del lavoro finché non sarai in grado di dare lo stesso tipo di risposta! Questo è il modo migliore per preparare una risposta solida e assicurarsi di affrontare correttamente la domanda durante il colloquio.

Per concludere

Se l’intervistatore chiede: “Cosa puoi apportare all’azienda?”, dividi il tempo di risposta tra il ruolo specifico e l’azienda e il suo team. Concentrati prima su ciò che puoi apportare al lavoro e poi sull’organizzazione. Se ti chiedono cosa apporteresti a questo particolare lavoro, concentrati esclusivamente sul ruolo e su come sei adatto ai loro requisiti e alle loro esigenze in questa posizione. Indipendentemente dalla variante di questa domanda di colloquio che sentirai, preparati a parlare di competenze e conoscenze specifiche legate al lavoro nella tua risposta. Non dire: “Sono un gran lavoratore e ho ottime capacità di comunicazione”. È molto meglio dire a un datore di lavoro: “Ho visto che la descrizione del lavoro dice che preferite qualcuno che abbia esperienza nella vendita a clienti aziendali, e nel mio ultimo ruolo le vendite aziendali erano il mio obiettivo principale”.

Solo uno di questi esempi di risposta mostra che ti sei preso del tempo per capire il lavoro, oltre ad evidenziare le abilità che ti aiuteranno ad avere successo in questo ruolo. E questa è la risposta che entusiasmerà i responsabili delle assunzioni quando faranno questa domanda di colloquio.

Se seguirai i passaggi sopra descritti, avrai un’ottima risposta alla domanda “Cosa puoi apportare a questo lavoro?” o “Cosa puoi apportare alla nostra azienda?” che impressionerà gli intervistatori e ti farà ottenere più offerte di lavoro.

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.