Come rispondere alla domanda “Quando puoi iniziare a lavorare?”

By Biron Clark

Published:

Domande e risposte ai colloqui di lavoro

Biron Clark

Biron Clark

Writer & Career Coach

La domanda “Quando puoi iniziare?” può sembrare una semplice domanda di colloquio, ma se gestita male, il modo in cui rispondi potrebbe costarti la posizione. Quindi, come per tutte le domande più comuni ai colloqui, è meglio prepararsi in anticipo.

Ma qual è il modo migliore per rispondere? Ti darò alcuni consigli per sapere cosa dire e cosa non dire. Ti fornirò anche degli esempi di risposte che potrai utilizzare in diverse situazioni per prepararti al meglio al tuo prossimo colloquio.

Come rispondere alla domanda “Quando puoi iniziare?”

Il modo migliore per rispondere alla domanda “Quando puoi iniziare a lavorare?” è essere sinceri e chiari e fornire al datore di lavoro la data più vicina possibile in cui potresti realisticamente e comodamente iniziare il lavoro. Non vuoi impegnarti in una data di inizio che metta in difficoltà il tuo attuale datore di lavoro, ma vuoi anche darti il tempo necessario per concludere tutti gli impegni esistenti, dare al tuo attuale datore di lavoro un preavviso di due settimane se necessario, e prepararti a iniziare il nuovo lavoro. Inoltre, non devi bruciare i ponti. Tuttavia, è probabile che il tuo potenziale nuovo datore di lavoro abbia una data entro la quale vorrebbe che tu iniziassi e, se non sei in grado di accontentarlo, potrebbe rivolgersi a un altro candidato.

Come puoi vedere, ci sono molti fattori da considerare, quindi esaminiamo alcuni scenari specifici per aiutarti a preparare la migliore risposta possibile per la tua situazione.

Rispondere alla domanda “Quando puoi iniziare? se sei attualmente occupato

Anche se potrebbe essere allettante dire che puoi iniziare subito, un responsabile delle assunzioni non ti vedrà di buon occhio se sei disposto a lasciare il tuo attuale datore di lavoro senza alcun preavviso. Quindi, se hai un lavoro, di’ che sei disponibile a iniziare dopo la scadenza del periodo di preavviso con il tuo attuale datore.

Non andartene mai per una nuova posizione senza aver dato il giusto preavviso al tuo attuale datore di lavoro. In questo modo, inoltre, potresti mettere a rischio le tue possibilità di ottenere una referenza positiva da parte di quel datore di lavoro in futuro, oltre a non fare una bella figura con la tua prossima azienda. In qualità di ex reclutatore, non vedrei di buon occhio un candidato disposto a lasciare il suo attuale lavoro senza preavviso, anche se ciò significa che potrebbe iniziare subito a lavorare nella nuova posizione.

Rispondere alla domanda “Quando puoi iniziare? se sei disoccupato

Anche se sei disoccupato, non dovresti dire che sei disponibile a iniziare il giorno dopo. Dire che sei in grado di iniziare immediatamente implica che questo lavoro è la tua prima scelta o che la tua ricerca di lavoro non sta andando molto bene. Questo danneggia il tuo potere di negoziazione se ricevi un’offerta di lavoro. Quindi, se durante il colloquio ti chiedono una data di inizio potenziale e non stai lavorando, ti consiglio di dire che ti serve una settimana per prepararti.

Sii flessibile

Assicurati che il tuo potenziale datore di lavoro sappia che sei disposto a collaborare con lui per cercare di rispettare le sue tempistiche. Dopo aver fornito la tua risposta, puoi chiedere se questo corrisponde alle sue tempistiche e puoi dirgli che sei disposto a discutere e ad adeguarti in base alle sue esigenze. Quindi non è necessario fornire una risposta e sperare che sia di suo gradimento. Questo è uno dei miei consigli preferiti sui colloqui in generale: è giusto chiedere un feedback all’intervistatore e avere una vera discussione, invece di rispondere semplicemente a una domanda e poi aspettare in silenzio che l’intervistatore faccia quella successiva.

Sii onesto

Se sei sicuro di dover dare due o tre settimane di preavviso prima di iniziare il nuovo lavoro, sii onesto al riguardo. Non ti conviene dire che puoi iniziare subito e poi fare marcia indietro dopo che ti è stato offerto il lavoro. In generale, è meglio essere onesti nelle risposte al colloquio, soprattutto quando ti chiedono quando puoi iniziare a lavorare.

Non serve indicare una data precisa

Durante il colloquio di lavoro, i datori cercano solo un intervallo di tempo. Non è necessario concordare una data finché non si riceve un’offerta. Puoi anche solo dire: “Sono in grado di iniziare il mio prossimo lavoro due o tre settimane dopo che mi è stata offerta una posizione. Questo corrisponde alle tempistiche che avete in mente?”.

Non fornire troppi dettagli

Non è necessario fornire dettagli specifici sul motivo per cui non puoi iniziare subito un lavoro. Non hanno bisogno di conoscere la storia della tua vita, ma solo di una stima approssimativa di quando sarai pronto per iniziare il lavoro. Dopo aver ricevuto un’offerta ufficiale, puoi fornire all’intervistatore ulteriori dettagli circa la data esatta in cui vuoi iniziare.

Conosci le regole del preavviso nel lavoro attuale

La maggior parte dei lavori prevede un preavviso di almeno due settimane. Tuttavia, alcuni potrebbero richiedere di più. Se è così, dovrebbe essere previsto dal contratto. Assicurati di sapere esattamente quanto preavviso devi dare prima di impegnarti con la nuova azienda.

Nella maggior parte dei casi “due settimane” è una buona risposta

Se nel contratto attuale non c’è nulla che preveda il preavviso, lo standard è di due settimane. I responsabili delle assunzioni si aspettano un certo preavviso e non avranno problemi se chiederai due settimane.

Non lasciare il tuo attuale lavoro finché non avrai un’offerta garantita

Iniziare un nuovo lavoro è emozionante, ma non bisogna farsi prendere la mano. Aspetta a dare il preavviso finché non avrai un’offerta di lavoro scritta. Assicurati di essere soddisfatto e che tutto ciò che hai concordato sia incluso prima di dare la notizia al tuo attuale datore di lavoro.

Risposte d’esempio a “Quando puoi iniziare a lavorare?”

Ci sono diverse situazioni in cui potresti trovarti durante la ricerca di un lavoro. Potresti avere un’occupazione, essere disoccupato o avere bisogno di trasferirti. Ognuno di questi scenari richiederà una risposta diversa.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di come rispondere a questa domanda durante un colloquio:

3 esempi di risposte se hai un lavoro:

Esempio n.1:

Vorrei dare al mio attuale datore di lavoro un preavviso di due settimane per garantire una transizione senza problemi. Dopodiché sarò pronto per iniziare.

Perché è una buona risposta: dimostra che rispetti il tuo attuale datore di lavoro al punto da non lasciarlo a bocca asciutta. Inoltre, comunica che sei entusiasta di iniziare il tuo nuovo lavoro.

Esempio n.2:

Secondo i termini del mio attuale contratto di lavoro, sono obbligato a dare un preavviso di tre settimane. Quando avrò adempiuto ai miei obblighi, sarò disponibile per iniziare.

Perché è una buona risposta: dimostra che sei ansioso di iniziare, ma chiarisce che non sei disposto a rompere il tuo accordo di lavoro.

Esempio n.3:

Sto lavorando a un progetto importante e non voglio lasciare i miei compagni di squadra in una brutta situazione. Dovrò dare un preavviso per garantire una transizione senza problemi. Dopodiché, sarò felice di unirmi alla vostra squadra.

Perché è una buona risposta: descrive onestamente la tua situazione attuale e dimostra che sei un giocatore di squadra.

2 esempi di risposte se sei disoccupato:

Esempio n.1:

Sarei felice di iniziare all’inizio della settimana lavorativa successiva, dopo aver ricevuto un’offerta di lavoro.

Perché è una buona risposta: fa capire al datore di lavoro che sei in grado di iniziare presto, ma non ti fa sembrare eccessivamente disperato.

Esempio n.2:

Sono disponibile a iniziare non appena ci sarà bisogno di me. Quando spera di riempire la posizione?

Perché è una buona risposta: in alcuni casi, l’azienda ha bisogno di qualcuno immediatamente. Se sai che è così, allora fagli sapere che sei disponibile. Questa risposta funziona perché trasmette che puoi iniziare subito senza fornire troppi dettagli.

2 esempi di risposte se devi trasferirti:

Esempio n.1:

Poiché mi trasferirò, dovrò lasciare il mio attuale lavoro e trasferirmi in un altro Paese.

Perché è una buona risposta: se stai facendo un colloquio per un lavoro in un’altra città o in un altro Stato, il responsabile delle assunzioni si aspetterà che tu abbia bisogno di un po’ di tempo per trasferirti. È meglio essere chiari su quanto tempo ti serve.

Esempio n.2:

Come sa, mi trasferirò da . Che tempistica ha in mente per chi si trasferisce?

Perché è una buona risposta: potresti non sapere quanto tempo ti servirà o in quanto tempo dovrai essere disponibile per il lavoro. Chiedendo semplicemente a loro puoi capire quando vorrebbero che tu iniziassi e stabilire se questo va bene per te.

2 esempi di risposte se vuoi avere del tempo libero tra un lavoro e l’altro:

Esempio n.1:

Vorrei mettere in ordine i miei affari, ma sono disposto a essere flessibile se ha bisogno che inizi prima.

Perché è una buona risposta: comunica onestamente che avrai bisogno di un po’ di tempo prima di iniziare a lavorare, ma fa anche capire che sei disposto a essere flessibile.

Esempio n.2:

Quando sperava di avere qualcuno pronto a iniziare?

Perché è una buona risposta: molti datori di lavoro non avranno problemi a condividere la data in cui vorrebbero che la posizione fosse occupata. La loro tempistica potrebbe essere più lunga di quanto ti aspetti e ti permetterà di prenderti il tempo necessario prima di passare al nuovo ruolo.

E se la loro data di inizio non va bene per te?

Dopo aver dato la tua risposta, l’intervistatore potrebbe rivelare che sperava di occupare la posizione un po’ prima.

Prima di tutto, niente panico. La data di inizio è negoziabile e, nella maggior parte dei casi, un’azienda sarà disposta a modificare le tempistiche per la persona giusta. Se ti trovi in questa situazione hai alcune opzioni:

  • Sii deciso sulla data di inizio, se necessario: se non hai margine di manovra, sii onesto su questo punto. Se ti vogliono davvero per il lavoro, molto probabilmente saranno disposti ad accontentarti.
  • Se puoi, cerca un compromesso: non sei in grado di iniziare nella data richiesta, ma puoi incontrarli a metà strada? In tal caso, scusati per l’impossibilità di rispettare le loro tempistiche e proponi loro una nuova data che sia più vicina alle loro aspettative, ma comoda anche per te.
  • Sii creativo: pensa fuori dagli schemi per vedere se c’è un modo per soddisfare le loro aspettative. Ad esempio, puoi utilizzare i giorni di ferie della tua attuale azienda per iniziare l’orientamento con il nuovo datore di lavoro.

Ricorda che ci saranno sempre altre opportunità di lavoro. Se non riuscite a trovare un accordo su quando iniziare, è probabile che il lavoro non faccia per te. Inoltre, se ti fanno pressione per iniziare subito senza dare un ampio preavviso al tuo attuale datore di lavoro, probabilmente non è un’azienda per cui vuoi lavorare.

Per concludere

Man mano che vai avanti con i colloqui, è quasi certo che ti verrà chiesto quando potresti iniziare, quindi assicurati di sapere cosa dovresti e non dovresti dire e di avere pronta la risposta giusta.

Il modo migliore per affrontare le domande sulla tua disponibilità è prepararsi in anticipo. Quindi considera il tuo contratto attuale e il preavviso richiesto dal datore di lavoro, oltre ai tuoi obblighi personali e ai tuoi impegni, e poi dai una risposta onesta a questa domanda. Avrai più probabilità di ottenere il lavoro se sarai pronto con una risposta chiara e diretta.


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.