I datori di lavoro AMANO fare domande sul tuo più grande risultato o realizzazione professionale… e si aspettano un esempio o una storia dettagliata durante il colloquio di lavoro, quindi devi essere pronto.  In questo articolo, ti mostrerò come rispondere alla domanda “Qual è il tuo più grande risultato?” con esempi di risposta, errori da evitare e altro ancora.

Cominciamo…

Come scegliere il tuo più grande risultato per i colloqui:

“Qual è il tuo più grande risultato?” è una domanda da colloquio comportamentale. Per scegliere la risposta giusta da condividere, considera il tuo background e la descrizione del ruolo per cui stai facendo il colloquio. Le risposte migliori a questa domanda di colloquio mostreranno al responsabile delle assunzioni che il tuo più grande risultato è sia impressionante che rilevante per le esigenze del loro team.

Segui questi passaggi per determinare il tipo di risultato che dovresti condividere durante il colloquio di lavoro: 

1. Scegli un risultato che sia il più recente possibile e che sia in qualche modo rilevante per questo lavoro e per questa carriera.

Se possibile, dovresti scegliere un risultato importante che sia avvenuto di recente nella tua carriera e che dimostri che sei un ottimo candidato per la posizione che desideri. Se il tuo risultato più impressionante risale a cinque anni fa, puoi comunque usarlo. Ma ti invito a pensare se hai ottenuto un risultato simile negli ultimi uno o due anni, magari nel tuo ultimo lavoro. I responsabili delle assunzioni tendono ad apprezzare maggiormente le esperienze lavorative recenti rispetto a quelle passate, quindi chi cerca lavoro dovrebbe puntare a condividere storie recenti quando possibile durante il processo di colloquio.

La conclusione è che se devi scegliere tra diverse opzioni di risultati da condividere, dovresti sempre scegliere la storia più recente e quella più rilevante per il lavoro a cui ti sei candidato. Poi entra nello specifico e parla di RISULTATI. Mostra esattamente cosa hai ottenuto e perché è stato un risultato significativo. Come ti ha aiutato? Come ha aiutato il tuo team o il tuo datore di lavoro in quel momento? Se ti sei appena laureato e il tuo risultato è stato ottenuto in uno stage o in un corso universitario, cosa hai imparato, quali sfide hai superato e in che modo questo ti ha aiutato ad arrivare dove sei oggi?

2. Scegli un risultato professionale anche se i datori di lavoro non lo richiedono espressamente.

A volte i datori di lavoro ti chiederanno il tuo più grande risultato professionale, altre volte lasceranno aperta l’interpretazione e ti chiederanno semplicemente “Qual è il tuo più grande risultato?” Indipendentemente dalla formulazione della domanda, la tua risposta deve essere inerente a un risultato professionale. 

Questo ti permetterà di fare alcune cose:

In primo luogo, renderà più facile il compito di preparare ed esercitarti a dare una risposta. In questo modo, avrai un’unica risposta per qualsiasi formulazione della domanda. Sarai pronto al 100% sia che ti chiedano “Qual è il tuo più grande risultato professionale?” sia che ti chiedano il tuo più grande risultato in generale.  E dato che si tratta di un colloquio di lavoro, è meglio parlare comunque di un risultato professionale. Quando fornisci il tuo esempio o la tua storia, concentrati su un risultato legato al lavoro e non correrai il rischio di condividere qualcosa che il datore di lavoro troverà strano o irrilevante. Se stai cercando lavoro senza esperienza lavorativa, allora la tua esperienza accademica è l’esperienza più recente. In questo caso, dovresti fornire un esempio del tuo più grande risultato ottenuto da un progetto di classe o dai tuoi studi accademici. (Può essere quello di aver conseguito un’alta media dei voti, essere il primo della classe, esercitarsi e tenere un discorso davanti a una classe, essere il primo della famiglia a laurearsi o altro ancora).

Come fornire la risposta

Ora che abbiamo discusso come scegliere il tuo più grande risultato, vediamo come organizzare e dare una risposta. Quando rispondi a domande di colloquio comportamentali come questa, è meglio organizzare la propria risposta attraverso il metodo STAR, acronimo di: Situation, Task, Action, Result (situazione, compito, azione, risultato). Si tratta di un sistema per strutturare la risposta in modo che i responsabili delle assunzioni possano seguire la tua storia e per assicurarsi che tu non sia distratto quando spiegherai il risultato. Noterai questo formato nelle risposte di esempio qui di seguito. Inizia spiegando la situazione generale. Hai svolto un lavoro precedente? In quale ruolo? Quanto tempo fa è successo? Quindi, spiega il compito da svolgere. Che cosa bisognava raggiungere o risolvere? Poi, quale azione hai scelto di eseguire e perché? Infine, qual è stato il risultato e cosa hai imparato dall’esperienza, se non altro? Questo è il modo migliore per spiegare i tuoi maggiori successi assicurandoti di non dare una risposta troppo lunga e confusa.

Le buone risposte sono dettagliate ma anche concise. Punta a 60-90 secondi o meno quando rispondi alle domande del colloquio sul tuo più grande risultato.

Rispondi con sicurezza

Le domande del colloquio che richiedono di vantarsi di se stessi non sono facili, ma bisogna essere pronti a dare l’impressione di essere sicuri di sé e a mostrare ciò che si è fatto. Non è il momento di essere umile o timido. Quando i datori di lavoro chiedono “Qual è il tuo più grande risultato professionale?” vogliono che sembri appassionato e orgoglioso. Pensa quindi a un grande risultato professionale di cui saresti sinceramente entusiasta di parlare. Questo è il modo migliore per assicurarsi di avere il giusto livello di energia quando si risponde.  Dopo di che, rivedi i dettagli della storia e della situazione. Quando racconti la tua storia, devi essere specifico; condividere fatti e dettagli specifici avrà sempre un impatto maggiore.

Ti faccio un esempio che suoni meglio:

A) “Il mio più grande risultato è stato quello di essermi diplomato tra i primi della classe l’anno scorso”

B) “Il mio più grande risultato è stato quello di essermi laureato l’anno scorso nel 3% degli studenti migliori della mia classe, composta da oltre 2.000 persone, con voto 108”

La seconda risposta sarà più memorabile e di maggior impatto, per questo motivo dovresti rivedere la tua storia e l’esempio che intendi fornire in modo da ricordare più dettagli possibili. Più sarai specifico, più sarai sicuro e convincente!

Risposte di esempio a “Raccontami del risultato professionale di cui sei più orgoglioso”:

Ora che hai un’idea generale di come comportarti quando rispondi a queste domande sui risultati di cui vai più orgoglioso, vediamo due esempi di risposta parola per parola. Inizierò con un esempio per i neolaureati. Poi darò un secondo esempio di risposta per le persone in cerca di lavoro che hanno un’esperienza lavorativa precedente.

Esempio di risposta per raccontare del tuo più grande risultato professionale (entry-level):

Il mio più grande risultato professionale è stato quello di completare la laurea triennale in 4 anni con voto 108. Non avevo alcun sostegno finanziario da parte della mia famiglia e ho dovuto lavorare a tempo pieno mentre mi laureavo in Economia. Questo mi ha insegnato a dare priorità al mio tempo, a sviluppare ottime abitudini e a rimanere concentrato sui miei obiettivi. Sono orgoglioso di questo risultato e sento che ciò che ho imparato mi darà un grande vantaggio nella mia carriera.

Esempio di risposta per raccontare del tuo più grande risultato professionale (con esperienza):

Il mio più grande risultato professionale è stato quello di risanare il reparto marketing del mio ultimo datore di lavoro. Quando mi sono unito all’azienda, l’intero team era in difficoltà e non riuscivamo a raggiungere gli obiettivi trimestrali. Sono stato assunto per creare un nuovo piano di marketing, che ho progettato e realizzato senza alcuna guida. Nel giro di 6 mesi, abbiamo ottenuto risultati superiori del 20-25% rispetto ai nostri obiettivi e il mio piano di marketing ha portato all’azienda altri 3 milioni di dollari di fatturato nella seconda metà dell’anno scorso. Queste entrate aggiuntive hanno risanato l’azienda da perdite operative ogni trimestre fino a generare dei profitti.

Dopo aver dato la tua risposta, devi assolutamente aspettarti delle domande di verifica. Quando i datori di lavoro chiedono esempi dei tuoi risultati più importanti, è per conoscere la tua persona, i tuoi interessi, i tuoi punti di forza, ecc. Non si tratta di una domanda che l’intervistatore fa e poi passa oltre. Non farti quindi prendere dal panico quando ti chiederanno ulteriori dettagli o continueranno con domande correlate. Le storie migliori attireranno l’attenzione dell’intervistatore e lo incuriosiranno su altri risultati, e vorranno saperne di più sui tuoi ruoli precedenti e sulle tue esperienze passate.

Se senti una domanda successiva o un commento del tipo “oh, dimmi di più su ___”, è segno che hai dato una risposta eccellente. Ecco perché l’intervistatore vuole saperne di più. Quindi rimani fiducioso e tranquillo e, quando ti prepari per il colloquio, pensa alle domande che molto probabilmente ti faranno DOPO aver raccontato la storia del tuo più grande risultato. Su quale aspetto della storia è probabile che i datori di lavoro vogliano maggiori informazioni? Cosa potrebbero non capire la prima volta che lo racconti?

Assicurati di esercitarti nella risposta

Niente è perfetto quando lo dici la prima volta, quindi assicurati di fare un po’ di pratica prima di affrontare il prossimo colloquio! Esamina i punti chiave che vuoi condividere e assicurati di poter spiegare chiaramente la storia passando da un punto chiave all’altro. Nota bene: non consiglio di memorizzare parola per parola. È un buon modo per farsi prendere dal panico durante il colloquio, dimenticare un pezzo e commettere un errore. Invece, farei come ho descritto sopra: pensa alla tua storia come a una serie di punti chiave di cui parlare e assicurati di ricordare di centrare ogni punto e di passare agevolmente dall’uno all’altro. Quando spieghi ai datori di lavoro i tuoi più grandi risultati, assicurati di poter parlare dall’inizio alla fine della tua storia, senza dimenticare alcun pezzo della stessa. Una volta che sarai riuscito a farlo un paio di volte, sarai pronto per il colloquio.

Rispondere alla domanda “qual è il tuo più grande risultato” nei colloqui – Istruzioni rapide

  1. Non essere timido o umile. Questa domanda di colloquio è un’occasione per vantarti di te stesso e condividere ciò di cui sei veramente orgoglioso professionalmente
  2. Scegli una realizzazione professionale, indipendentemente dal fatto che ti chiedano espressamente qualcosa di inerente al lavoro
  3. Scegli un risultato relativamente recente, se possibile, e qualcosa che sia correlato al tuo attuale percorso di carriera e al lavoro per cui stai facendo il colloquio
  4. Scegli qualcosa che abbia avuto un grande impatto generale sulla tua carriera, qualcosa di importante e significativo
  5. Sii specifico e parla di risultati e dati reali quando possibile. Qual è stato l’impatto del tuo lavoro?
  6. Dopo aver risposto a questa domanda, sii pronti per le domande successive. Anche se hai dato una risposta eccellente, il datore di lavoro potrebbe voler saperne di più.
  7. Esercitati a rispondere. Nulla è perfetto quando lo spieghi per la prima volta, quindi ripassa la spiegazione di quale sia il tuo più grande risultato professionale prima dell’inizio del colloquio

Se segui questi passaggi, avrai una risposta eccellente ogni volta che un datore di lavoro ti chiederà “Qual è il tuo più grande risultato?” e altre domande simili durante il colloquio.

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.