Se hai intenzione di chiedere informazioni sullo stipendio durante un colloquio di lavoro, questa guida fa al caso tuo.

C’è un modo giusto e uno sbagliato di chiederlo, e anche il tempismo è importante. Una domanda sbagliata può far deragliare il colloquio e costare un’offerta di lavoro.

In qualità di ex reclutatore, ti illustrerò come e quando sollevare l’argomento dello stipendio durante i colloqui per conoscere la fascia di retribuzione senza perdere alcuna opportunità.

Puoi chiedere lo stipendio in un colloquio di lavoro?

Puoi chiedere informazioni sullo stipendio in qualsiasi colloquio, ma dovresti anche mostrare al datore di lavoro che sei concentrato su altri fattori, come il fatto che il lavoro sia adatto a te e il tuo potenziale contributo.

Puoi farlo ponendo ottime domande sul ruolo, sul team e sull’azienda e mostrando entusiasmo quando un aspetto della posizione o dell’azienda sembra interessante.

Così, quando arriverai a porre la domanda sullo stipendio, il responsabile delle assunzioni capirà che la retribuzione è solo uno dei tanti fattori che stai valutando.

Ecco come chiedere informazioni sul pacchetto retributivo di un’azienda senza farsi scappare l’offerta di lavoro.

Ricorda, inoltre, che il fatto che tu possa parlare di stipendio in un colloquio di lavoro non significa che tu debba farlo. È del tutto accettabile aspettare che sia il datore di lavoro a sollevare l’argomento stipendio durante le successive trattative salariali, se ti senti più a tuo agio così.

A quel punto, discuterà con te l’intero pacchetto retributivo.

Come chiedere lo stipendio in un colloquio: frasi e parole da usare

Quando chiedi la fascia di retribuzione di un’azienda, usa tatto e frasi come “intervallo di retribuzione previsto” o “fascia che avete preventivato per la posizione” piuttosto che parole come “paga” o “soldi”.

Di seguito ti fornirò alcuni esempi, quindi non preoccuparti se non sei ancora sicuro di cosa dire.

Chiedere lo stipendio in un colloquio: esempi

Ci sono un paio di modi per chiedere informazioni sullo stipendio durante il colloquio. Un metodo che ho utilizzato con molto successo è quello di offrire prima un po’ di informazioni e poi chiedere in cambio la fascia di stipendio dell’azienda.

Quali sono le informazioni da offrire? Un approccio è quello di condividere il tuo stipendio attuale/recente.

Questo metodo è una buona soluzione se sei stato ben pagato nei tuoi ruoli recenti; non è una buona idea se sei stato sottopagato e meriti un aumento di stipendio superiore al 20%.

Di seguito ti illustrerò alcuni esempi di questo tipo e poi ti parlerò di un altro metodo che puoi utilizzare.

Esempio 1:

“Per ora il ruolo sembra fantastico. Volevo assicurarmi che fossimo sulla stessa lunghezza d’onda in termini di retribuzione. Nel mio lavoro attuale, percepisco uno stipendio base di X dollari con un bonus di Y dollari. Spererei in un aumento se dovessi muovermi ora. Questo corrisponde al range che avete previsto per la posizione?”

Esempio 2:

“In termini di retribuzione, il mio ultimo ruolo pagava $X con un bonus di $Y. Spero in un aumento nella mia prossima posizione, visto che continuo a fare carriera. Rientra nel range che avete previsto per la posizione?”

Come già detto, questi esempi funzionano meglio se in passato sei stato ben pagato.

Le aziende esiteranno a offrirti più di un aumento del 20% rispetto al tuo ultimo stipendio. Se sei stato sottopagato, quindi, e vuoi ottenere qualcosa in più, continua a leggere per imparare un approccio più semplice!

Gli esempi di cui sopra sono anche i migliori da usare se stai riscontrando un forte interesse da parte dei datori di lavoro durante la tua ricerca.

Ho usato uno di questi esempi esatti qui sopra quando ero al momento impiegato e stavo sostenendo un colloquio telefonico durante la mia pausa pranzo. Non avevo tempo da perdere e volevo prendere il controllo della conversazione e ottenere le informazioni di cui avevo bisogno. Non c’è niente di male in questo.

Tuttavia, se non vuoi condividere il tuo stipendio attuale con i datori di lavoro, ecco un altro modo per sollevare l’argomento stipendio durante il colloquio:

Nel concludere la conversazione con questo potenziale datore di lavoro, digli che sei entusiasta del ruolo, ma che vorresti anche capire un po’ che tipo di pacchetto retributivo offra.

Ecco come suonerebbe:

Esempio 3 (chiedere lo stipendio senza condividere la retribuzione recente):

“Le responsabilità e il ruolo sembrano ottimi per ora. Penso che il lavoro si allinei bene con quello che ho svolto nei miei due ruoli più recenti, soprattutto per quanto riguarda la gestione dei clienti. Può dirmi qualcosa sulla fascia di retribuzione della posizione?”

Si tratta di un modo diretto e chiaro di chiedere la retribuzione verso la fine di un colloquio (compreso il primo colloquio).

Allo stesso tempo, rimani educato e spiega perché sei curioso: perché il ruolo ti sembra ottimo e vorresti vedere se la retribuzione corrisponda ai tuoi requisiti salariali.

Il segreto è utilizzare questa struttura alla fine del colloquio. È il momento di chiedere lo stipendio se non hai intenzione di fornire informazioni personali (ad esempio la tua retribuzione recente).

Puoi anche menzionare le tendenze del mercato e le ricerche salariali che hai fatto.

Prima del colloquio, puoi consultare la descrizione del lavoro, trovare il titolo esatto della mansione e poi andare su uno strumento di retribuzione online come quelli offerti da Glassdoor.com o Salary.com per cercare la fascia di retribuzione media per quella mansione nella tua città.

In questo modo avrai un ulteriore modo per chiedere informazioni sulla fascia di retribuzione della posizione.

Così, invece di condividere il tuo stipendio passato come abbiamo fatto negli esempi 1 e 2, puoi semplicemente condividere le tendenze di mercato e salariali che hai osservato e poi chiedere se il range salariale del datore di lavoro corrisponde a questi numeri.

Ecco come suonerebbe:

“Il ruolo sembra ottimo per ora. Vorrei solo assicurarmi che siamo sulla stessa lunghezza d’onda in termini di retribuzione, almeno a grandi linee. Ho confrontato i dati di alcuni calcolatori di stipendio online e sembra che la retribuzione media di base per questa posizione qui a Boston sia compresa tra i 50.000 e i 70.000 dollari. Questo corrisponde al range che ha preventivato per questo ruolo?”

Cosa succede se il datore di lavoro dice: “Non abbiamo un range salariale per la posizione?”

Nota bene: secondo la mia esperienza di selezionatore, ogni ruolo ha una fascia di retribuzione prevista. Il responsabile delle assunzioni conosce queste informazioni.

Se il responsabile delle assunzioni dice di non avere assolutamente idea del compenso previsto, significa che sta nascondendo alcune informazioni.

Se un selezionatore o un addetto alle risorse umane dice di non saperlo, è possibile che il responsabile delle assunzioni non glielo abbia ancora detto. Ma anche questo è improbabile.

In ogni caso, se un responsabile delle assunzioni ti dice: “Non abbiamo stabilito un range di stipendio per questa posizione”, puoi decidere se approfondire l’argomento o meno.

Ti consiglio di non essere eccessivamente aggressivo in un primo colloquio o se non hai ancora partecipato a un colloquio faccia a faccia.

Tuttavia, se un responsabile delle assunzioni dice che la retribuzione dipende dal candidato che assume, ti sta dicendo la verità. Ha definito un’ampia gamma di retribuzioni e l’offerta di lavoro esatta dipende dal candidato scelto.

Occasionalmente, un datore di lavoro potrà anche allungare il suo budget se un candidato gli piace davvero dopo alcuni colloqui.

Non farti quindi prendere dal panico se senti una cifra/un range iniziale un po’ basso quando discuti dello stipendio durante il colloquio di lavoro. Spesso vale la pena continuare se il ruolo in sé è interessante.

Quando chiedere la retribuzione durante il colloquio

Gli schemi di cui sopra possono essere utilizzati in qualsiasi momento del processo di colloquio, ma come regola generale, quanto maggiore è l’interesse dei datori di lavoro nella tua ricerca di impiego, tanto prima potrai chiedere di parlare dello stipendio durante i colloqui.

Se nella tua ricerca di lavoro hai ottenuto solo un paio di colloqui (o anche meno), ti consiglio di aspettare a chiedere lo stipendio, non prima di un secondo colloquio. Accade più spesso ed e meno rischioso.

In questo caso, il rischio maggiore che vuoi evitare è quello di turbare l’intervistatore/il responsabile delle assunzioni chiedendo il compenso in un momento che loro ritengono “sbagliato”.

Partecipa quindi a qualche colloquio e informati sulle offerte delle varie aziende. Una volta ottenuto l’interesse dell’intervistatore nel secondo round, chiedi il compenso.

Se hai però sei datori che aspettano di parlare con te ogni settimana, è logico che tu voglia determinare rapidamente lo stipendio di ogni nuovo lavoro.

Pertanto, i candidati in questo tipo di situazione dichiarano spesso le loro aspettative salariali fin dall’inizio e chiedono chiaramente se la retribuzione di una posizione corrisponde alle loro esigenze.

Potrebbero anche chiedere informazioni sul salario prima di un colloquio.

È più probabile che utilizzino uno schema come quello degli esempi 1 e 2 per fare domande durante il primo colloquio.

Questi candidati NON vogliono iniziare a negoziare lo stipendio dopo aver sostenuto quattro colloqui solo per scoprire che l’azienda non è in grado di pagare abbastanza.

Impara a leggere il tuo pubblico

Ogni processo di assunzione e ogni azienda sono un po’ diversi. Quindi, in caso di dubbio, fidati del tuo istinto per decidere quando parlare di compensi durante il colloquio.

Se non ti sembra giusto chiedere lo stipendio in un primo colloquio, aspetta.

A un responsabile delle assunzioni potrebbe non dispiacere la domanda sullo stipendio durante il primo incontro, ma un’altra persona potrebbe reagire male.

Si tratta di valutare ciò che è importante per te (il tuo tempo o il mantenimento di un ottimo rapporto con questo potenziale datore di lavoro).

Il rischio è piuttosto ridotto se discuti di stipendio seguendo gli schemi precedenti, ma non devi nemmeno rischiare nulla se non te la senti! Puoi lasciar passare il primo colloquio e chiedere informazioni sulla retribuzione in un prossimo incontro.

Anche il datore di lavoro ne parlerà prima o poi.

Purtroppo, molti datori di lavoro aspettano molto più a lungo di quanto la maggior parte delle persone in cerca di lavoro vorrebbe prima di iniziare a discutere della retribuzione.

Conclusione: come parlare di stipendio durante il colloquio di lavoro

Non c’è nulla di male nel chiedere informazioni sullo stipendio durante un colloquio. Chi cerca lavoro ha il diritto di tutelare il proprio tempo e di scoprire se una posizione è sufficientemente remunerativa da soddisfare le proprie aspettative salariali.

Bisogna però chiedere con tatto e mostrare ai datori di lavoro che lo stipendio è solo uno dei tanti fattori che si stanno valutando.

L’ideale sarebbe porre prima una o due altre domande… sulla posizione, sul team di lavoro, ecc.

Con tatto, scegliendo un momento che sia comodo per te e che si adatti al flusso della conversazione, otterrai le informazioni di cui hai bisogno senza danneggiare la tua performance durante il colloquio.

Non c’è da vergognarsi nel chiedere quanto viene pagata una posizione. Andiamo tutti a lavorare per soldi!

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.