Le aziende tecnologiche della Silicon Valley sono famose per fare domande di colloquio piuttosto assurde e rompicapo… Volevo scoprire cosa comportassero esattamente queste domande. E quanto fosse difficile rispondere. Ho quindi trascorso una giornata su Glassdoor.com e su alcuni altri siti per trovare le 8 domande logiche più difficili e interessanti per i colloqui. E non solo da aziende qualsiasi… Stiamo per esaminare 4 giganti della tecnologia noti per avere i colloqui più difficili:

  1. Facebook

  2. Google

  3. Apple

  4. LinkedIn

È ora di vedere quante risposte riesci a dare!

Domande e risposte rompicapo ai colloqui di Facebook:

Domanda n. 1:

Un gangster russo ti rapisce. Mette due proiettili in ordine consecutivo in un revolver vuoto a sei colpi, lo fa girare, lo punta alla tua testa e spara. *clic* Sei ancora vivo. Poi ti chiede: “Vuoi che lo faccia girare di nuovo e che spari o che prema subito il grilletto?” Per ogni opzione, qual è la probabilità che ti spari?

Risposta…

L’indizio chiave è che i proiettili sono stati caricati uno accanto all’altro.

Esistono 4 modi per disporre il revolver con proiettili consecutivi in modo che il primo colpo sia a salve. Questi sono gli scenari possibili:

  1. (xBBxxx)
  2. (xxBBxx)
  3. (xxxBBx)
  4. (xxxxBB)

Gli altri due scenari avrebbero comportato la possibilità di essere colpiti al primo tentativo. (BBxxxx) o (BxxxxB)

Ora guarda il secondo slot nei 4 possibili scenari di cui sopra. Le probabilità di essere colpiti sono 1/4 o 25%. (Solo il n. 1 ti ucciderebbe)

Ma se giri di nuovo… rimangono 2 proiettili e 6 slot totali. 2/6 o 33%.

Domanda n. 2:

Stai per prendere un aereo per Seattle. Vuoi sapere se piove. Chiami 3 amici a caso che vivono lì e chiedi a ciascuno se sta piovendo. Ogni amico ha 2/3 di possibilità di dirti la verità e 1/3 di prenderti in giro mentendo. Tutti e tre gli amici ti dicono che “sì” sta piovendo. Qual è la probabilità che a Seattle piova davvero?

Risposta…

Basta che uno solo dei tuoi amici dica la verità perché a Seattle piova.

È più veloce calcolare le probabilità che tutti e tre stiano mentendo e che non stia piovendo.

Ogni amico ha una probabilità di 1/3 di mentire. Moltiplicando le probabilità otterrai 1/27 (1/3 * 1/3 * 1/3).

Ma non abbiamo ancora finito… 1/27 è la probabilità che tutti e 3 gli amici abbiano mentito nello stesso momento.

La probabilità che almeno uno ti abbia detto la verità? 26/27 o circa il 96% di possibilità di pioggia a Seattle.

Domande e risposte rompicapo di Google:

Domanda n. 3:

Hai una brocca da 3 galloni e una da 5 galloni, come fai a misurare esattamente 4 galloni?

Risposta…

Sappiamo che non possiamo ottenere il risultato finale in una brocca da 3 litri. Traboccherà. Dobbiamo finire con 4 galloni nella brocca da 5 galloni.

Riempi prima la brocca da 3 galloni.

Versa quindi i 3 galloni nella brocca da 5 galloni.

Ora la brocca da 3 galloni è vuota e la brocca da 5 galloni contiene 3 galloni.

Riempi nuovamente la brocca da 3 galloni. Versa lentamente nella caraffa da 5 galloni. Solo 2 galloni ci entreranno perché ne ha già 3. Ora è piena.

Nella brocca da 3 galloni è rimasto esattamente 1 gallone.

Svuota la brocca da 5 galloni.

Versa il singolo gallone nella brocca da 5 litri.

Riempi ancora una volta la brocca da 3 galloni e versala nella brocca da 5 galloni! Ora hai esattamente 4 galloni (e forse un lavoro a Google)

Domanda n. 4:

Perché i tombini sono rotondi?

Risposta…

Una buona notizia: se sei stanco di domande di matematica, questa ti darà una tregua. I tombini sono rotondi perché è l’unica forma che non può cadere da sola. Il coperchio non può mai cadere accidentalmente nel foro. È noto che Microsoft pone questa domanda e, secondo Glassdoor.com, anche Google adesso la pone.

Domande e risposte rompicapo di Apple:

Domanda n. 5:

Ci sono tre scatole, una contiene solo mele, una contiene solo arance e una contiene sia mele che arance. Le scatole sono state etichettate in modo errato, tanto che nessuna etichetta identifica il contenuto effettivo della scatola. Apri una sola scatola e, senza guardare nella scatola, tira fuori un frutto. Osservando la frutta, come puoi etichettare immediatamente tutte le caselle in modo corretto?

Risposta…

Dunque, sai che tutte e tre le scatole sono etichettate in modo errato.

Vai alla scatola etichettata “Mele + arance”. Poiché l’etichetta è sbagliata, deve avere l’uno o l’altro.

Questa è la scatola da cui prendere un pezzo di frutta. Quello che esce fuori è ciò che contiene la scatola. Se estrai una mela, la scatola contiene solo mele. Se estrai un’arancia, viceversa.

È qui che le cose si fanno un po’ complicate. Ma abbiamo quasi finito…

Supponiamo che tu abbia preso una mela. Sposta l’etichetta “Mele” in quella scatola. Ora è etichettata correttamente.

Sai che la scatola “Arance” è ancora etichettata male (perché all’inizio tutte e tre erano etichettate male e tu non l’hai toccata). E sai che non si tratta di “Mele”.

Quindi deve essere “Mele + arance”.

L’ultima scatola è “Arance”.

Lo stesso procedimento sopra descritto funzionerebbe se avessi estratto un’arancia all’inizio.

Domanda n. 6:

Hai 100 monete appoggiate su un tavolo, ognuna delle quali ha un lato testa e un lato coda. 10 di esse mostrano testa, 90 mostrano croce. Non puoi sentire, vedere o scoprire in altro modo quali sono le 10 teste in alto. Il tuo obiettivo: dividere le monete in due pile in modo che ci sia lo stesso numero di monete che mostrano testa in ogni pila.

Risposta…

Per pura coincidenza… questo è un trucco che il mio amico Mike mi ha mostrato la scorsa estate. All’epoca mi ha spiazzato, ma spero che abbia senso quando lo scriverò.

Vuoi un numero uguale di teste in ogni pila. Attualmente ce ne sono 10. Non si sa quali, ma non importa. Tutto quello che devi fare è prendere 10 monete su 100, metterle in un mucchio separato e capovolgerle.

È la pila n. 1.

La pila n. 2 è costituita dalle restanti 90 monete, non girate. Lasciale lì.

Hai finito. Davvero.

È possibile farlo con qualsiasi numero di monete. Se hai 20 monete e 18 sono teste, devi prenderne 18 (non importa quali), capovolgerle e metterle in una pila separata. È la pila n. 1.

Se hai 10 monete e 3 sono teste, prendi 3 monete a caso in una nuova pila e capovolgi quelle 3 per la prima pila, mentre le altre sono la seconda pila.

Pazzesco, vero?

Se non mi credi, prendi qualche centesimo e prova. Non ci sono eccezioni e non è nemmeno necessario che la quantità di “teste” sia uniforme. Può anche essere pari a zero. O tutte.

Domande e risposte rompicapo di LinkedIn per i colloqui:

Domanda n. 7:

Ti trovi in una stanza con tre interruttori della luce, ognuno dei qualicontrolla una delle tre lampadine nella stanza accanto. Devi determinare quale interruttore controlla quale lampadina. All’inizio tutte le luci sono spente e non puoi vedere una stanza dall’altra. Puoi ispezionare l’altra stanza solo una volta. Come puoi scoprire quali interruttori sono collegati a quali lampadine?

Risposta…

Chiamiamo gli interruttori 1, 2 e 3.

Lascia l’interruttore 1 spento.

Accendi l’interruttore 2 per dieci minuti.

A questo punto spegnilo e accendi rapidamente l’interruttore 3.

Entra nella stanza e ispezionala…

La lampadina ancora calda ma non accesa è controllata dall’interruttore 2. Quella attualmente accesa è alimentata dall’interruttore 3. L’ultima è l’interruttore 1.

Domanda 8:

Quante palline da golf entrerebbero in un Boeing 747?

Risposta…

Quest’ultima è difficile, ma non si aspettano una risposta precisa. Se ricevi una domanda come questa (e ci sono un sacco di varianti: palloni da basket in una stanza, telefoni cellulari a Manhattan, ecc.), vogliono vedere il tuo processo di pensiero. Il responsabile delle assunzioni osserverà il modo in cui ti muovi e cercherà di capirlo.

Se riesci a scomporre un problema in pezzi più piccoli, a mantenere la calma e a ottenere una risposta non perfetta ma ragionevolmente vicina, avrai fatto un ottimo lavoro.

Potrebbero anche non conoscere loro stessi la risposta. Vogliono solo vedere come ti approcci a qualcosa di molto difficile.

In termini pratici, che cosa si può trarre da questo?

La domanda 8 evidenzia un punto importante da ricordare nei colloqui…

Ci sono molte domande in un colloquio in cui il responsabile delle assunzioni apprezza il tuo processo di riflessione… a volte anche più di una risposta corretta. Quindi, se sei perplesso, parla un po’ ad alta voce e spiega a cosa stai pensando. Fai una domanda se ne hai bisogno. Cerca di suddividere il problema in pezzi più piccoli. Le conoscenze specifiche possono essere insegnate, ma non possono insegnarti a risolvere i problemi. Ecco perché in un colloquio di lavoro vengono poste domande logiche e domande in cui ci si aspetta che il candidato faccia fatica o sia insicuro.

Se senti domande come questa, non significa che stai andando male. Mantieni la calma, illustra il tuo processo di pensiero, dimostra di avere un approccio logico e avrai ottime possibilità di essere assunto (anche se alla fine non avrai la risposta perfetta!).

Si può essere assunti anche se si danno risposte “sbagliate” a queste domande

Ecco una breve storia: mi sono laureato in Finanza, il che significa che ho seguito anche un buon numero di corsi di contabilità. All’inizio della mia carriera, ho avuto un colloquio telefonico per una posizione di contabile. Per farla breve, non sapevo rispondere nemmeno alle domande di contabilità più elementari. Cose molto semplici che si imparano al primo anno di università.

Perché?

Era passato troppo tempo dall’università e avevo dimenticato anche le basi. E non mi sono preparato bene per il colloquio, ovviamente! Ma ho cercato di andare avanti a forza e di ricordare quello che potevo, parlando di quello che pensavo. Dicendo cose come: “Beh, questo non può essere giusto perché ___. Quindi deve essere legato a ___”. Ho fatto qualche progresso. Di sicuro, però, non sono arrivato alla risposta giusta, nemmeno dopo tre minuti passati a riflettere ad alta voce insieme all’intervistatore.

Ma sono stato comunque invitato alla fase successiva del processo di colloquio (un’intera giornata di colloqui in loco).

Perché? Perché al responsabile delle assunzioni è piaciuto il mio approccio alla risoluzione di un problema che non sapevo immediatamente come risolvere. Ecco perché essere trasparenti e mostrare il proprio processo di pensiero è uno dei consigli per i colloqui che mi vedrai ripetere più volte. E questo è l’insegnamento più importante che spero tu possa trarre dalla lettura di queste domande rompicapo (oltre al divertimento). Puoi fare come me e ottenere più offerte di lavoro… anche se dai qualche risposta sbagliata a domande difficili come queste!

Il punto è: non farti prendere dal panico quando ti vedi rivolgere una domanda che non conosci; usala come un’opportunità per mostrare esattamente come risolvi le cose. Sii sicuro di te, rilassati e sorridi. Ricorda: stai dando al responsabile delle assunzioni quello che vuole! Se hai dei colloqui imminenti e vuoi prepararti meglio, leggi qui le 20 migliori domande di colloquio.

Ti piace questo post? Appuntalo e conservalo per la prossima volta che ne avrai bisogno!

Le 8 domande rompicapo più difficili per i colloqui di lavoro di google apple facebook


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.