26 buoni esempi di problem solving (risposte ai colloqui)

By Biron Clark

Published:

Domande e risposte ai colloqui di lavoro

Biron Clark

Biron Clark

Writer & Career Coach

buoni esempi di problem solving per colloqui di lavoro e lettere di presentazione

Ai datori di lavoro piace assumere persone in grado di risolvere i problemi e di lavorare bene sotto pressione. Raramente un lavoro va al 100% secondo i piani, quindi i responsabili delle assunzioni saranno più propensi ad assumerti se sembrerai in grado di gestire le sfide impreviste mantenendo un approccio calmo e logico.

Ma come misurano tutto questo?

Ti faranno domande di colloquio su queste capacità di problem solving e potrebbero anche cercare esempi di problem solving nel tuo curriculum e nella lettera di presentazione. Tra poco, quindi, condividerò un elenco di esempi di problem solving che ti saranno utili sia che tu sia un esperto in cerca di lavoro o un neolaureato.

Poi condividerò degli esempi di risposta alla domanda di colloquio: “fammi un esempio di una volta in cui hai usato la logica per risolvere un problema?”

Esempi di scenari di problem solving sul posto di lavoro

  • Correggere un errore sul lavoro, che sia stato commesso da te o da qualcun altro
  • Far fronte a un ritardo sul lavoro attraverso la risoluzione dei problemi e la comunicazione
  • Risolvere un problema con un cliente difficile o arrabbiato
  • Superare i problemi legati a un budget limitato e realizzare comunque un buon lavoro attraverso l’uso di un problem solving creativo
  • Far fronte a una carenza di programmazione e di personale nel reparto per garantire un lavoro eccellente
  • Risoluzione di problemi e quesiti tecnici
  • Gestire e risolvere un conflitto con un collaboratore
  • Risolvere qualsiasi problema relativo a finanze, fatturazione dei clienti, contabilità, ecc.
  • Prendere l’iniziativa quando un altro membro del team ha trascurato o tralasciato qualcosa di importante
  • Prendere l’iniziativa di incontrare il proprio superiore per discutere di un problema prima che diventi potenzialmente più grave
  • Risolvere un problema di sicurezza sul lavoro o segnalare il problema a chi potrebbe risolverlo
  • Utilizzare le capacità di problem solving per ridurre o eliminare una spesa aziendale
  • Trovare un modo per rendere l’azienda più redditizia attraverso nuovi servizi o offerte di prodotti, nuove idee sui prezzi, iniziative di promozione e vendita, ecc.
  • Modificare l’organizzazione di un processo, di un team o di un compito per renderlo più efficiente
  • Usare il pensiero creativo per trovare una soluzione che l’azienda non ha mai usato prima
  • Eseguire ricerche per raccogliere dati e informazioni per trovare una nuova soluzione a un problema
  • Aumentare le prestazioni di un’azienda o di un team migliorando alcuni aspetti della comunicazione tra i dipendenti
  • Trovare un nuovo dato che possa guidare meglio le decisioni o la strategia di un’azienda in un determinato settore

Esempi di problem solving per neolaureati in cerca di prima occupazione

  • Coordinare il lavoro dei membri del team in un progetto di classe
  • Riassegnare il lavoro di un membro del gruppo mancante ad altri membri del gruppo in un progetto di classe
  • Adattare il flusso di lavoro di un progetto per rispettare una scadenza ravvicinata
  • Parlare con il proprio professore per ottenere aiuto in caso di difficoltà o incertezza su un progetto
  • Chiedere aiuto ai compagni di classe, ai coetanei o ai professori in un’area di difficoltà
  • Parlare con il proprio consulente accademico per trovare soluzioni a un problema che si sta affrontando
  • Ricerca di soluzioni a un problema accademico online, tramite Google o altri metodi
  • Usare il problem solving e il pensiero creativo per ottenere uno stage o un’altra opportunità di lavoro durante la scuola, dopo aver avuto difficoltà iniziali

Puoi condividere tutti gli esempi di cui sopra quando durante il colloquio ti verranno poste domande inerenti al problem solving. Come vedi, anche se non hai un’esperienza lavorativa professionale, è possibile ripensare ai problemi e alle sfide inaspettate che hai affrontato durante gli studi e discutere di come li hai risolti.

Risposte alla domanda “Fammi un esempio di un’occasione in cui hai usato la logica per risolvere un problema”

Vediamo ora alcuni esempi di risposta alla domanda di colloquio “Fammi un esempio di una volta in cui hai usato la logica per risolvere un problema”, dato che è probabile che questa domanda venga posta in tutti i settori.

Esempio di risposta n.1:

Nel mio lavoro attuale, di recente ho risolto un problema in cui un cliente era arrabbiato per i prezzi del nostro software. Aveva frainteso l’addetto alle vendite che aveva spiegato i prezzi di partenza e, quando il suo pacchetto è stato rinnovato per il secondo mese, ha chiamato per lamentarsi della fattura. Mi sono scusato per la confusione e ho parlato con il nostro team di fatturazione per vedere che tipo di soluzione potevamo trovare. Abbiamo deciso che la cosa migliore da fare era offrire un pacchetto di prezzi a lungo termine che prevedesse uno sconto. Questo non solo ha risolto il problema, ma ha fatto sì che il cliente accettasse un contratto con un termine più lungo, il che significa che ora manterremo la sua attività per almeno un anno e che è soddisfatto del prezzo. Ritengo di aver ottenuto il miglior risultato possibile e che il modo in cui ho scelto di risolvere il problema sia stato efficace.

Esempio di risposta n.2:

Nel mio ultimo lavoro ho dovuto risolvere parecchi problemi legati alla programmazione dei turni. Quattro persone si sono licenziate nel giro di una settimana e il reparto era gravemente sotto organico. Ho coordinato un aumento delle assunzioni, ho ottenuto l’approvazione del capo reparto per offrire bonus per il lavoro straordinario e ho trovato otto dipendenti disposti a fare gli straordinari per quel mese. Credo che le abilità chiave per la risoluzione dei problemi siano state prendere l’iniziativa, comunicare chiaramente e reagire rapidamente per risolvere il problema prima che diventasse una criticità ancora più grande.

Esempio di risposta n.3:

Nel mio attuale ruolo di marketing, il mio manager mi ha chiesto di trovare una soluzione al nostro calo di coinvolgimento sui social media. Ho valutato la nostra strategia attuale e i risultati recenti, ho analizzato ciò che stavano facendo alcuni dei nostri principali concorrenti e poi ho elaborato un progetto preciso da seguire quest’anno per emulare i nostri migliori competitor, ma anche per distinguerci e sviluppare una voce unica personale come marchio. Ritengo che questo sia un buon esempio di utilizzo della logica per risolvere un problema, perché è basato sull’analisi e sull’osservazione dei concorrenti, piuttosto che su ipotesi o reazioni rapide alla situazione senza dati affidabili. Quando è possibile, uso sempre la logica e i dati per risolvere i problemi. Il progetto si è rivelato un successo e alla fine dell’anno abbiamo aumentato il coinvolgimento sui social media con una media dell’82%.

Rispondere alle domande inerenti al problem solving con il metodo STAR

Quando rispondi a domande su scenari di problem solving, o se decidi di dimostrare le tue capacità di problem solving in una lettera di presentazione (si tratta di una buona idea ogni volta che la descrizione del lavoro menziona il problem solving come abilità necessaria), ti consiglio di usare il metodo STAR per raccontare la tua storia.

STAR sta per:

  • Situation
  • Task
  • Action
  • Result (situazione, compito, azione, risultato)

È un modo semplice per accompagnare l’ascoltatore o il lettore mentre ascolta la storia in modo che abbia un senso. Quindi, prima di parlare del problema da risolvere, assicurati di descrivere la situazione generale. In quale lavoro/azienda lavoravi? Quando è successo? Quindi, puoi descrivere il compito da svolgere e il problema da risolvere. Descrivi la linea d’azione scelta e il motivo per cui l’hai intrapresa. L’ideale è dimostrare di aver valutato tutte le informazioni possibili, dato il tempo a disposizione, e di aver preso una decisione basata sulla logica e sui fatti.

Infine, descrivi un risultato positivo che hai ottenuto.

Sia che tu stia rispondendo alle domande di un colloquio sulla risoluzione dei problemi, sia che tu stia scrivendo una lettera di presentazione, dovresti scegliere solo esempi in cui hai ottenuto un risultato positivo e hai risolto con successo il problema.

Quali sono i buoni risultati di problem solving?

Ogni volta che rispondi alle domande di un colloquio inerenti al problem solving o condividi esempi di problem solving in una lettera di presentazione, devi essere sicuro di condividere un risultato positivo.

Di seguito troverai dei buoni risultati di problem solving:

  • Risparmio di tempo o denaro per l’azienda
  • Guadagnare denaro per l’azienda
  • Accontentare o fidelizzare un cliente
  • Ottenere nuovi clienti
  • Risolvere un problema di sicurezza
  • Risolvere un problema di personale o di programmazione
  • Risolvere un problema logistico
  • Risolvere un problema di assunzione in azienda
  • Risolvere un problema tecnico o relativo al software
  • Rendere un processo più efficiente e più rapido per l’azienda
  • Creare un nuovo processo aziendale per rendere l’azienda più redditizia
  • Migliorare il marchio, l’immagine e la reputazione dell’azienda
  • Ottenere recensioni positive da parte dei clienti dell’azienda

Ogni datore di lavoro vuole guadagnare di più, risparmiare tempo e denaro. Se riesci a valutare la tua esperienza nella risoluzione dei problemi e a pensare a come hai aiutato i precedenti datori di lavoro in queste tre aree, sarà un ottimo inizio. È qui che ti consiglio di iniziare a cercare le storie di quando hai dovuto risolvere i problemi.

Suggerimenti per migliorare le capacità di problem solving

Nel corso della tua carriera, verrai assunto per lavori migliori e guadagnerai di più se riuscirai a dimostrare ai datori di lavoro di essere un risolutore di problemi. Quindi, per migliorare le tue capacità di problem solving, ti consiglio di analizzare sempre un problema e una situazione prima di agire. Quando si parla di problem solving con i datori di lavoro, non si deve mai dare l’impressione di avere fretta o di prendere decisioni impulsive. Vogliono vedere decisioni basate sui fatti o sui dati quando risolvi i problemi. Poi, per migliorare il problem solving, analizza i risultati delle soluzioni precedenti. Puoi riconoscere ciò che funziona e ciò che non funziona. Pensa a come migliorare la ricerca e l’analisi di una situazione, ma anche a come migliorare la comunicazione, a come decidere le persone giuste all’interno dell’organizzazione con cui parlare e da “coinvolgere” per aiutarti se necessario, ecc. Infine, esercitati a mantenere la calma anche in situazioni di stress. Se necessario, prenditi qualche minuto per uscire. Allontanati dal telefono e dal computer per schiarirti le idee. Raramente un problema di lavoro è così urgente da non poter dedicare cinque minuti alla riflessione (con la possibile eccezione dei problemi di sicurezza), e otterrai risultati migliori se risolverai i problemi agendo in modo logico invece di farti cogliere dalla fretta e dalla rabbia.

Puoi utilizzare tutte le idee di cui sopra per descrivere le tue capacità di problem solving quando ti vengono poste domande di colloquio sull’argomento. Se dici che fai le cose di cui sopra, i datori di lavoro saranno impressionati quando valuteranno la tua capacità di problem solving.

Per concludere

Se metti in pratica i consigli di cui sopra, sarai pronto a condividere storie dettagliate e impressionanti ed esempi di problem solving che faranno venire voglia ai responsabili delle assunzioni di offrirti il lavoro. Tutti i datori di lavoro apprezzano chi risolve i problemi, indipendentemente dal fatto che la risoluzione dei problemi sia o meno un requisito indicato nella descrizione del lavoro. E non si sa mai quale responsabile delle assunzioni o intervistatore ti chiederà di una volta in cui hai risolto un problema, quindi dovresti sempre essere pronto a parlarne quando ti candidi per un lavoro.

Domande e risposte di colloquio correlate:

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.