17 domande di colloquio di lavoro governativo

By Biron Clark

Published:

Domande e risposte ai colloqui di lavoro

Biron Clark

Biron Clark

Writer & Career Coach

In questo articolo tratteremo le 17 domande principali poste nei colloqui di lavoro governativi.

Vedremo come rispondere nel modo desiderato dalle agenzie governative e gli errori da evitare durante i colloqui.

Continua a leggere per conoscere le domande più comuni dei colloqui governativi poste dalle varie agenzie federali.

1. Perché vuoi lavorare per il governo?

In qualsiasi colloquio di lavoro governativo, ci si può aspettare una domanda sul perché si è interessati alla posizione.

Se questo sarà il tuo primo lavoro federale, dovrai spiegare perché hai scelto di lavorare per il governo invece che nel settore privato.

Non limitarti a dire che ti piace l’idea di lavorare per il governo. È facile da dire, ma non comunica molto impegno o passione al responsabile delle assunzioni.

Parla invece del tuo impegno nel servizio pubblico, nel servire il tuo Paese, ecc.

Ti conviene parlare di impegno, di orgoglio, di restituzione e di servizio pubblico.

Puoi dire che ammiri i lavoratori pubblici e coloro che servono il pubblico e che troverai più valore in una carriera pubblica.

Oppure, se quanto detto sopra non è del tutto vero per te, ma hai un’altra valida ragione per voler servire il pubblico e lavorare in un posto di lavoro governativo, esponila.

Se hai prestato servizio militare, puoi menzionare anche questo. Parla di uno o due modi in cui hai trovato appagante il servizio militare e poi parla del motivo per cui speri di continuare a servire il tuo Paese in un lavoro civile.

Tutti i candidati devono essere pronti a rispondere chiaramente sul motivo per cui vogliono lavorare per il governo, indipendentemente dal proprio background.

Esempio di risposta:

Preferisco essere un funzionario pubblico e aiutare il mio Paese piuttosto che lavorare solo per un’azienda a scopo di lucro. Voglio lavorare per qualcosa di più del semplice denaro e considero i funzionari pubblici un ruolo importante nella comunità e nella società, un ruolo che ammiro.

Nella ricerca di lavoro, quindi, mi sto concentrando soprattutto sulle agenzie governative perché sono attratto dall’idea del servizio pubblico, dall’importanza del mio lavoro per il nostro Paese e dal valore che ricaverò dalla mia carriera.

2. Quando hai capito di voler fare carriera nel governo?

È lecito aspettarsi che il responsabile delle assunzioni ti chieda quando hai pensato di intraprendere una carriera nell’amministrazione pubblica.

È meglio essere onesti. Se sapevi di volere un lavoro nel governo federale da anni, dillo e spiega brevemente perché.

Se però l’idea ti è venuta di recente, va bene dire anche questo.

La chiave è dimostrare di aver riflettuto sul motivo per cui desideri un lavoro governativo.

In un colloquio di lavoro federale, è meglio mostrare che si è concentrati soprattutto sull’ottenimento di un lavoro governativo.

Ci sono alcune eccezioni. Quando ero un reclutatore nel settore farmaceutico e biotecnologico, mi imbattevo in candidati che non avevano mai preso in considerazione l’idea di lavorare per le agenzie governative, ma che erano disposti a iniziare il processo di colloquio per scoprire di più sui posti di lavoro nel settore pubblico.

Anche se un responsabile delle assunzioni non li escluderebbe subito se dicessero: “In realtà, stavo prendendo in considerazione soprattutto dei lavori nel settore privato finché non mi ha contattato il suo reclutatore”, è comunque buona cosa presentarsi al colloquio di lavoro federale con ragioni tangibili che spieghino perché sei entusiasta e attratto dal lavoro nel settore federale.

3. Cosa ti interessa della nostra agenzia?

Oltre a capire perché vuoi un lavoro governativo, le agenzie federali vogliono anche sapere perché sei particolarmente interessato alla loro agenzia.

Puoi discutere di come la loro missione e il loro scopo siano in linea con le tue convinzioni.

Puoi discutere di come hai visto una o più posizioni che si adattano bene alle tue competenze specifiche e per le quali ti senti ben qualificato.

Puoi anche dire che un familiare o un collega ti ha suggerito che le tue competenze potrebbero essere adatte al lavoro svolto da questa agenzia.

A questa domanda, però, bisogna sempre dare una risposta chiara e ben ponderata. È una considerazione importante e ti conviene sempre dimostrare al datore di lavoro perché questa particolare agenzia o opportunità ha suscitato il tuo interesse.

L’intervistatore potrebbe anche chiederti come hai scoperto questa particolare agenzia governativa, quindi ascolta attentamente e assicurati di rispondere esattamente alla domanda che ti viene posta.

Rimani concentrato sulla risposta alla domanda precisa che ti è stata posta e, se il datore di lavoro vuole ulteriori informazioni, può sempre chiederti di approfondire.

4. Cosa ti ha attratto di questa particolare posizione?

Gli intervistatori federali, poi, vorranno sapere perché ti sei candidato per questa specifica posizione.

Dimostra di aver esaminato e compreso chiaramente i requisiti del lavoro.

Se possibile, dimostra che stai valutando più lavori di questo tipo. Questo è un buon modo per dimostrare al datore di lavoro che hai riflettuto a lungo sulla scelta del ruolo.

Venditi, anche. Parla di come le tue competenze ed esperienze ti permetteranno di inserirti nel lavoro e di avere successo.

Ad esempio, potresti dire:

Ho esaminato le diverse responsabilità presenti nell’annuncio di lavoro e ho ritenuto che il mio background nell’instaurare relazioni e nel parlare in pubblico mi avrebbe permesso di entrare in questo ruolo e di iniziare a dare subito il mio contributo. Se vuoi, posso fornirti un paio di esempi di esperienze passate rilevanti.

In generale, puoi includere nella tua risposta uno qualsiasi dei seguenti punti:

  • Aspetti della descrizione del lavoro che si adattano alla tua esperienza o al tuo background specialistico
  • Come/perché il lavoro ti interessa e si adatta ai tuoi obiettivi di carriera
  • Eventuali nuove sfide che sei entusiasta di affrontare e che questo lavoro offre

Una buona preparazione può rendere più o meno efficace la tua risposta a questa domanda, quindi non andare mai a un colloquio senza conoscere la descrizione delle mansioni dell’azienda.

5. Dove ti sei imbattuto nel nostro annuncio di lavoro?

Sentirai spesso domande nei colloqui su come hai scoperto un’opportunità di lavoro.

Non c’è una risposta giusta o sbagliata. Il tuo prossimo capo è solo curioso di sapere come stai conducendo la tua ricerca di lavoro, come ottieni i colloqui di lavoro in generale e come fanno i candidati sul mercato a trovare il suo specifico annuncio.

Non è una domanda a trabocchetto e consiglio di essere onesti su come si è venuti a conoscenza di una posizione.

Va bene dire una qualsiasi delle seguenti cose durante un colloquio di lavoro governativo:

  • Un collega mi ha inviato la posizione perché riteneva che fosse pertinente alle mie competenze.
  • Ho visto l’annuncio di lavoro online, ho ritenuto che le mansioni fossero pertinenti al mio background e mi sono candidato direttamente.
  • Un reclutatore mi ha contattato per la posizione.
  • Ho saputo di questa posizione a una fiera del lavoro.
  • Ho visto un annuncio per il posto di lavoro.

Queste non sono le uniche risposte accettabili, ma solo alcune delle più comuni.

Non pensare troppo a questa domanda. Dedica uno o due minuti alla preparazione del colloquio per ricordare a te stesso come hai trovato il ruolo, in modo da poter dare una risposta convincente alla persona che ti sta intervistando.

Leggi qui alcuni esempi di risposta alla domanda “Come hai saputo di questa posizione?”.

6. Puoi parlarmi del tuo primo lavoro presso un’agenzia governativa?

Se questo non è il tuo primo impiego nel governo federale, puoi aspettarti che in fase di colloquio ti venga posta una domanda su come hai iniziato la tua carriera nel governo, tra cui:

  • Qual era il tuo titolo lavorativo?
  • Come hai ottenuto il posto?
  • Per quanto tempo hai ricoperto il ruolo?
  • Quali mansioni svolgevi?
  • Perché te ne sei andato?

Prima di qualsiasi colloquio di lavoro governativo, ripassa i dettagli di cui sopra in modo da poter parlare con sicurezza di questa parte della tua storia lavorativa.

7. Sei cittadino statunitense?

Diverse agenzie e posizioni governative hanno requisiti diversi in termini di cittadinanza e autorizzazione al lavoro negli Stati Uniti.

Ci si può però sempre aspettare una domanda in merito, indipendentemente dall’agenzia governativa con cui si fa il colloquio.

Nel primo paio di colloqui, quindi, probabilmente durante quello telefonico, tieniti pronto a rispondere se sei un cittadino statunitense o possessore di green card, o se hai un altro status di autorizzazione al lavoro negli Stati Uniti.

È possibile che il datore di lavoro abbia già confermato queste informazioni tramite la tua candidatura, quindi è possibile che non ti venga chiesto nulla nel colloquio individuale.

Puoi anche considerare di includere queste informazioni nel tuo curriculum federale quando ti candidi a ruoli governativi.

8. Qual è il tuo livello di istruzione più elevato?

A un certo punto del colloquio governativo, puoi aspettarti che ti chiedano il livello di istruzione più alto conseguito.

Anche se queste informazioni sono riportate nel curriculum, preparati a rispondere con una risposta chiara sul tuo livello di istruzione più elevato.

Durante il colloquio di lavoro, molte agenzie vogliono solo confermare il tuo livello di istruzione e sentire queste informazioni di base direttamente da te.

9. Perché stai cercando un nuovo lavoro in questo momento?

Nel corso del colloquio di lavoro governativo, poi, ci si può aspettare una domanda sul motivo per cui si sta cercando una posizione in generale.

Se sei disoccupato, i responsabili delle assunzioni vogliono sapere perché hai lasciato il tuo ultimo lavoro.

Se hai un lavoro ma stai cercando qualcosa di meglio/diverso, i responsabili delle assunzioni vogliono capire le tue ragioni. Anche loro vogliono sapere cosa stai cercando per la tua prossima posizione.

Probabilmente affronterai questa domanda di base durante i colloqui telefonici, ma potresti sentirla anche in un colloquio di lavoro di persona.

Quindi esercitati e tieniti pronto a spiegare la tua situazione e le motivazioni che ti spingono a cercare lavoro.

10. Cosa puoi apportare a questa posizione/organizzazione?

Devi vendere te stesso durante tutto il colloquio, parlando di esempi specifici di come puoi aiutare l’azienda, di ciò che hai fatto in passato di simile/rilevante e di come la tua formazione e istruzione ti abbiano preparato per questo ruolo.

Ma è anche possibile che durante i colloqui ti venga chiesto direttamente: “Che cosa puoi apportare all’azienda/organizzazione?”.

È il momento di essere sicuro di te stesso e di spiegare esattamente come puoi aiutare il datore con le sue esigenze e il suo carico di lavoro. Mostra fiducia nel tuo  linguaggio del corpo e nel tono di voce e non preoccuparti: se ti hanno invitato al colloquio, è perché hanno apprezzato ciò che hanno visto nel tuo curriculum.

Confronta il tuo curriculum con l’annuncio di lavoro e sottolinea le principali caratteristiche che ti qualificano.

Non c’è una risposta giusta o sbagliata, ma il tuo obiettivo è quello di mettere in evidenza le tue competenze ed esperienze più significative per il lavoro in questione.

E parla sempre dei requisiti specifici del lavoro, con frasi del tipo: “Ho notato che la descrizione del lavoro menziona ___ e ___. Sono due aree in cui sento di essere forte perché…”.

Adotta un approccio organizzato e dai priorità alle tue competenze e ai tuoi punti di forza che si adattano all’offerta di lavoro.

Non c’è bisogno di citare tutte le tue competenze; spesso è più efficace evidenziare le due o tre che avranno il maggiore impatto.

Una domanda simile a cui prepararsi:

11. Quale pensi che sarà la parte più impegnativa di questo ruolo?

Puoi aspettarti questa domanda in un colloquio di lavoro federale e in un colloquio di lavoro nel settore privato.

Ripensa all’annuncio/descrizione del lavoro e identifica un’area in cui forse dovrai imparare o esercitarti un po’ per avere successo.

Ti conviene sembrare ottimista nel rispondere, ma ammetti con onestà che quest’area non è uno dei tuoi punti di forza attuali.

Esempio di risposta:

Dato che in questo ruolo passerei da un ruolo di collaboratore individuale a una posizione manageriale, ritengo di dovermi concentrare soprattutto sul miglioramento delle mie competenze nella gestione del personale.

È la direzione in cui voglio portare la mia carriera e so di avere le capacità di comunicazione, le competenze tecniche e i tratti della personalità per essere un ottimo manager.

Dato che non ho esperienze precedenti in questo senso, però, sarà un’area in cui dovrò concentrarmi a migliorare.

Il datore di lavoro potrebbe anche chiederti quali sfide lavorative hai superato in passato, quindi preparati anche a questo.

12. Se ci fosse un aspetto del nostro governo che potresti cambiare, quale sarebbe?

Fai attenzione a non parlare male durante il colloquio di lavoro governativo, anche se una domanda sembra invitarti a farlo.

Ti consiglio di rispondere a questa domanda scegliendo un’area di potenziale miglioramento, anziché qualcosa che ritieni essere un completo fallimento o una situazione orribile.

Anche se sembra una contraddizione, nel rispondere a questa domanda di colloquio dovresti puntare a sembrare positivo.

Potresti ad esempio dare una risposta come questa:

Vorrei che il nostro governo spendesse meno per ___ e risparmiasse denaro che potrebbe essere destinato a ___. Non sono però a conoscenza di tutte le sfumature di come venga speso e utilizzato quel particolare budget, quindi forse mi sbaglio su questo punto.

Oppure:

Vorrei che il nostro governo facesse di più per prendersi cura della salute dei veterani militari. Penso che facciamo un buon lavoro, ma ho parlato con alcuni veterani che hanno detto di essersi sentiti abbandonati a loro stessi dopo il pensionamento dall’esercito.

Non parlare troppo di politica nella tua risposta. Se però credi che qualcosa possa essere fatto meglio e credi che sia una causa o un obiettivo meritevole, allora è giusto essere onesti e dirlo.

E qualunque sia la tua risposta, tieniti pronto a rispondere a domande come: “Oh, cosa te lo fa pensare?” o “Perché dici così?”.

Devi essere in grado di sostenere le tue affermazioni durante il colloquio. Questa è l’altra regola fondamentale da seguire per questa domanda.

13. Che tipo di ambiente di lavoro preferisci?

I posti di lavoro statali offrono in genere una cultura e un ambiente di lavoro diversi da quelli delle aziende private.

Puoi quindi aspettarti una domanda di colloquio sul tipo di ambiente di lavoro che preferisci.

Assicurati di dare una risposta che sia in linea con la cultura e l’ambiente dell’agenzia federale con cui stai facendo il colloquio.

Va bene dire che ti trovi bene in certi ambienti, ma devi dare anche qualche chiara indicazione del fatto che capisci l’ambiente di lavoro e ne sei attratto.

Anche questo è un aspetto da ricercare prima del colloquio. Spesso potrai trovare informazioni pertinenti al lavoro sul sito web dell’agenzia governativa e anche all’interno dell’annuncio di lavoro stesso.

Se partecipi a un colloquio di persona, puoi anche raccogliere indizi su come si presenta l’ufficio o l’ambiente di lavoro.

Leggi qui alcuni esempi di risposta a questa domanda di colloquio.

14. Per quale tipo di manager lavori meglio?

È probabile che ti venga chiesto quale stile di gestione preferisci.

Come per la domanda precedente, va bene dire che lavori bene con diversi stili di gestione, ma devi dare qualche chiara indicazione del fatto che pensi di poter andare d’accordo con questo particolare responsabile delle assunzioni.

Cerca di farti un’idea del suo stile pensando alle interazioni precedenti che hai avuto con questa persona e facendo una ricerca sul suo profilo LinkedIn prima del colloquio.

Se ad esempio sul suo profilo LinkedIn vedi che ha un passato militare, questo ti darà un indizio sul suo operato di leader.

Leggi qui alcuni esempi di risposte a questa domanda di colloquio.

15. Cosa ti motiva?

Puoi aspettarti che ti venga posta una domanda su cosa ti motiva. Cosa ti spinge ad alzarti e a venire al lavoro ogni giorno, a parte lo stipendio?

Questo è particolarmente importante nei colloqui con le agenzie governative per i ruoli di servizio pubblico.

Assicurati di mantenere il contatto visivo e di fornire una risposta convincente e ben ponderata.

Puoi accennare al fatto di trovare nel lavoro uno scopo e un senso di appagamento.

Puoi parlare di orgoglio nel servizio pubblico e nell’aiutare il tuo Paese.

Se l’interazione con i colleghi sarà una parte importante del lavoro, puoi dire che ti piace la collaborazione e il lavoro di squadra.

Ti consiglio di esercitarti a rispondere (a questa e a tutte le domande) in un finto colloquio con un amico o un familiare.

Non è facile rispondere a questa domanda al primo tentativo se non fai prima un po’ di pratica, quindi un po’ di gioco di ruolo può aiutare in vista del colloquio.

Leggi qui alcuni esempi di risposte a questa domanda.

16. Ho visto che hai prestato servizio militare. Cosa ne pensi ora di lavorare in una posizione civile?

Se nel tuo curriculum federale è indicato il servizio militare ma non hai ancora avuto un impiego civile, puoi sicuramente aspettarti una domanda su come la pensi in merito a questa transizione.

Cerca di sembrare sicuro e pronto per questo prossimo passo.

Se è così, menziona di esserti candidato a più posti di lavoro civili, per dimostrare che sei sicuro della tua decisione.

Considera anche di parlare brevemente di come ritieni che il tuo background militare possa aiutarti a eccellere nella futura carriera civile.

Trasforma questa domanda in una domanda positiva, parlando di come ti senti avvantaggiato o privilegiato per questa posizione grazie al tuo background!

17. Hai qualche domanda da porci?

Per concludere, alla fine di ogni colloquio avrai la possibilità di porre le tue domande.

Non considerarla mai come una fase facoltativa.

Se non hai domande per l’intervistatore, può essere interpretato come una mancanza di preparazione e/o di interesse.

Prepara almeno due domande da porre a ogni persona con cui farai il colloquio.

Ecco 27 domande uniche da porre durante un colloquio.

Riassunto rapido: domande a un colloquio di lavoro governativo

Se hai letto le domande di cui sopra, ti trovi a un passo dal superare il tuo colloquio governativo.

Il processo di colloquio per un posto di lavoro governativo è approfondito e prevede molte fasi, da test scritti e valutazioni aggiuntive a diversi turni di colloqui.

Mantieni la calma e concentrati sulla preparazione e otterrai il lavoro che meriti.

Assicurati di esercitarti nelle risposte facendo un finto colloquio con un amico o un familiare prima del colloquio vero e proprio. Un rapido gioco di ruolo può aiutarti a sbarazzarti degli errori PRIMA del colloquio effettivo.

Prima del colloquio, fai una ricerca sull’agenzia governativa e informati sul suo lavoro e sulle sue funzioni principali.

Scrivi le domande che farai per dimostrare preparazione e interesse.

Tieniti pronto a vendere te stesso e a rispondere con sicurezza alle domande. Dai risposte adeguate al lavoro che stai discutendo, non risposte generiche che non soddisfano le esigenze specifiche dell’agenzia.

E termina il processo inviando e-mail di ringraziamento dopo il colloquio.

Il processo di assunzione federale è competitivo e non ti conviene essere il candidato che non ha scritto nulla per ringraziare il datore di lavoro. Quest’ultima fase può rivelarsi decisiva se l’agenzia ha intervistato due o più candidati validi.

Non perdere offerte di lavoro per un piccolo dettaglio come questo.

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.