domande e risposte del colloquio di lavoro finale

Se ti stai preparando per un colloquio di lavoro finale, questo articolo ti aiuterà immediatamente.

Esamineremo tre fattori critici:

  • Le 11 domande più importanti da conoscere per il colloquio di lavoro finale
  • Come prepararsi a un colloquio finale e cosa aspettarsi in generale
  • Il mio consiglio numero 1, poco conosciuto, su come avere successo in un colloquio finale (basato sulla mia esperienza di selezionatore)

Cominciamo…

11 domande e risposte comuni per il colloquio di lavoro finale

1. Parlami di te

Anche se ti è già stato chiesto nel corso del colloquio, puoi aspettarti di sentirtelo chiedere di nuovo nell’ultimo round… soprattutto se si tratta di un colloquio finale con il CEO o un altro dirigente. È quindi la tua occasione per impressionarli con una risposta chiara e concisa che metta in luce il tuo background ma anche le tue capacità comunicative. Ti consiglio di limitare la risposta a un tempo di circa 60 secondi e di concentrarti sulla storia della tua carriera recente: le mosse che hai fatto, i risultati principali e, se puoi, di concludere con il motivo per cui ti sei candidato a questo lavoro o cosa speri di fare dopo!

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

2. Che cosa ti appassiona?

Si tratta di un’altra domanda del colloquio finale, pensata per approfondire chi sei come persona e che tipo di lavoratore sarai se verrai assunto. Non esiste una risposta “giusta”, ma devi essere pronto a parlare di qualcosa di specifico. Quando reclutavo ingegneri del software, alcuni dicevano di essere desiderosi di fare la differenza nel mondo o di entrare a far parte di aziende orientate al raggiungimento di un obiettivo (di solito qualche tipo di missione sociale). Ma altri hanno semplicemente detto di voler affrontare sfide tecniche complesse e migliorare le proprie competenze. Amavano affrontare problemi difficili in qualità di programmatori. Una di queste risposte non è “migliore” dell’altra. La chiave è condividere qualcosa di vero, in modo che l’intervistatore possa vedere la passione che c’è in te e credere alla tua risposta! Non fingere, ma prenditi del tempo per pensare a come rispondere in modo da non trovarti senza qualcosa da dire!

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

3. Cosa ti motiva?

Questa domanda è simile a quella precedente. In sostanza, il datore di lavoro vuole sapere che sei motivato da qualcosa di diverso dal denaro. Tutti noi lavoriamo per uno stipendio. Lo sanno bene. Tuttavia, i lavoratori che amano il lavoro anche per altri motivi saranno più resilienti, più propensi a superare le difficoltà sul lavoro piuttosto che andarsene, ecc. Si tratta quindi di un aspetto che il responsabile delle assunzioni cercherà e su cui farà domande… soprattutto in un colloquio di lavoro finale. Come per la domanda precedente, non esiste una risposta migliore. Le ragioni per cui vieni al lavoro ogni giorno possono essere molteplici: dal desiderio di fare la differenza o di avere un impatto sul mondo al semplice piacere delle sfide che il lavoro ti offre. Si possono citare anche molte altre cose. Ad esempio, potresti dire che ti piace far parte di una squadra e contribuire al suo lavoro.

Per saperne di più su questa domanda di colloquio con esempi di risposta, leggi qui.

4. Cosa ti interessa della nostra posizione?

È probabile che questa sia una domanda da primo colloquio o una domanda da colloquio telefonico, ma è possibile che ti venga posta anche durante il colloquio finale… soprattutto se a farti il colloquio è una persona nuova! Quindi, per avere successo nel colloquio finale, torna indietro e rivedi cosa ha catturato il tuo interesse iniziale e perché il ruolo e l’azienda ti entusiasmano. Se riesci a spiegarlo a un dirigente o a un amministratore delegato in modo dettagliato e appassionato, potresti distinguerti dagli altri candidati e fare la differenza per farti assumere.

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

5. Cosa sai della nostra azienda?

Forse non è la prima cosa che ti viene in mente quando cerchi le domande per il colloquio finale a cui prepararti, ma è qualcosa che potrebbe esserti chiesto! Se si tratta di un buon intervistatore, non lo chiederà così apertamente, ma è probabile che lo chieda comunque in una forma o nell’altra. Ad esempio, potrebbero chiedere: “Cosa hai imparato finora sulla nostra azienda e cosa pensi di quello che facciamo?” . Devi quindi essere assolutamente pronto a parlare di ciò che hai imparato facendo ricerche sull’azienda e sentendo parlare dell’azienda nei colloqui precedenti. (E cosa hai imparato facendo domande, cosa che dovresti fare in ogni singolo colloquio di lavoro). Se hai bisogno di aiuto, ecco 26 domande uniche da porre ai datori di lavoro.

Per saperne di più: esempi di risposta a “Cosa conosci dell’azienda?”

6. Dove ti vedi tra 5 anni?

Prima di assumerti, qualsiasi datore di lavoro o responsabile delle assunzioni vorrà assicurarsi che la sua posizione corrisponda ai tuoi obiettivi generali di carriera a lungo termine. (Anche dopo aver appurato che sei in grado di svolgere il lavoro). Perché? Perché vogliono qualcuno che rimanga con l’azienda a lungo termine e che sia un buon “investimento” (assumere e formare nuove persone costa e ci vuole un po’ di tempo prima che tu inizi a produrre ad alti livelli). La domanda “dove ti vedi tra cinque anni” è una delle più frequenti tra le domande finali dei colloqui di lavoro poste dagli amministratori delegati e da altri dirigenti. Potrebbero anche chiedere: “Quali sono i tuoi obiettivi di carriera?” . Noterai un tema comune a molte domande dei colloqui finali con gli amministratori delegati o altri manager di alto livello: vogliono determinare l’adattamento culturale prima di firmare l’assunzione. Per questa domanda in particolare, dai una risposta che sia realistica ma anche leggermente ambiziosa. Non è il caso di dire: “Mi vedo nella stessa identica posizione tra cinque anni”. E soprattutto, indica un obiettivo che sia coerente con il lavoro per cui stai facendo il colloquio! Devi essere in grado di mostrare come questo lavoro si adatti ai tuoi obiettivi di carriera a lungo termine, in modo che si sentano sicuri che il lavoro ti piacerà e resterai per qualche anno! Questo ti aiuterà a ottenere il lavoro.

Per saperne di più sulla risposta alla domanda “Dove ti vedi tra cinque anni?”, leggi qui.

7. Cosa ti è piaciuto di più e di meno del tuo ultimo lavoro?

Come per la domanda precedente, i datori di lavoro pongono questa domanda anche per capire se il lavoro e l’azienda ti piaceranno e se resterai a lungo. Questo è un tema comune in termini di ciò che dovresti aspettarti in un colloquio finale. Forse hai già dimostrato di essere in grado di gestire il lavoro, quindi ora cercheranno la prova che vuoi il lavoro, il che è diverso! Quindi sii pronto a dare una valutazione di ciò che ti è piaciuto e non ti è piaciuto nella tua ultima organizzazione e assicurati di fornire loro prove chiare che suggeriscano che ti piacerebbe questa azienda!

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

8. Cosa ti distingue dagli altri candidati?

L’intervistatore può anche chiedere se c’è qualcosa di unico in te o qualcosa che ti distingua. Pensa quindi in anticipo: cosa apporti in questa posizione che gli altri non possono apportare? Considera le esperienze passate, i titoli di studio e le certificazioni, i principali risultati ottenuti e altro ancora. Potresti anche sfruttare la domanda per trasformare una possibile debolezza in un punto di forza. Ad esempio, forse provieni da un settore diverso da quello della maggior parte dei candidati. Si potrebbe dire “Venendo dal settore ___, credo di avere una conoscenza più approfondita del ___ rispetto ad altri candidati, e sono sicuro di poterla utilizzare per aiutare l’azienda a fare ___”. Alcuni datori di lavoro amano l’idea di avere una nuova prospettiva o una mente fresca sul lavoro che stanno svolgendo. Quindi, se hai un background leggermente diverso da quello di un candidato “normale”, non pensare che sia un punto debole. E questa domanda di colloquio di lavoro è un’occasione per dimostrarlo.  Tuttavia, non sei obbligato a rispondere in questo modo. Potresti anche citare un motivo particolare per cui sei appassionato di questo settore lavorativo. 

Per saperne di più, anche con esempi di risposta a questa domanda, leggi qui

9. Hai altri colloqui in corso?

Nel corso dell’ultima fase del colloquio, potrebbero farti delle domande sulla tua ricerca di lavoro in generale. Potrebbero chiederti dove stai facendo il colloquio, se sei in attesa di altre offerte di lavoro, ecc. Se sei interessato a questa azienda e ti aspetti altre offerte, non c’è niente di male a dirglielo. In questo modo avranno la possibilità di accelerare il processo di colloquio per non perderti! Tuttavia, se non ti aspetti altre offerte, non mentire. Non ne vale la pena: le bugie portano ad altre bugie e possono metterti nei guai! Quindi è sempre meglio rispondere alle domande di colloquio in modo sincero, quando è possibile. In questo caso, puoi certamente dire: “Sto parlando con alcune aziende e le cose si stanno muovendo bene finora, ma non mi aspetto altre offerte in questo momento”. Potrebbe trattarsi di una bugia bianca, a seconda delle altre cose che hai in ballo, ma va bene così. Ma non dire che hai offerte di lavoro se non ne hai! Raramente è una buona idea. Potresti anche sentire delle varianti di questa domanda, come ad esempio: “Stai aspettando altre offerte di lavoro?” Di solito è un segno molto positivo che il colloquio è andato bene.

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

10. Che stipendio desideri?

Se questo viene chiesto durante un primo colloquio, di solito dico ai candidati di stare attenti a non rivelare una cifra troppo presto! (E spiego perché in questo articolo). Tuttavia, se un responsabile delle assunzioni o un altro membro del senior management lo chiede durante un colloquio finale, è il momento di farsi avanti! Fai le tue ricerche prima del colloquio e poi racconta con sicurezza quello che speri di guadagnare! Inoltre, concludi la tua risposta ribaltando la domanda e dicendo: “Corrisponde a quanto sperava di pagare? E che tipo di budget generale avete stabilito per la posizione?” Questa è certamente una domanda appropriata da porre dopo aver risposto a qualsiasi domanda di colloquio sulle aspettative salariali.

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

11. Vuoi raccontarci qualcos’altro di te?

Infine, come candidato alla fase finale, puoi aspettarti che gli intervistatori ti diano la possibilità di condividere qualsiasi altra cosa tu voglia menzionare. In caso contrario, puoi comunque concludere i tuoi colloqui dicendo: “Se per lei va bene, c’è un’altra idea che mi è venuta in mente e che speravo di condividere”. Quindi non devi MAI avere paura di parlare se c’è qualcosa che avresti voluto menzionare durante il colloquio. Potrebbe essere qualcosa che hanno frainteso nel tuo curriculum, qualcosa di cui hai già parlato ma che avresti potuto spiegare meglio, ecc. È anche possibile approfondire in un secondo momento se ci si è dimenticati di menzionare qualcosa o di fare una domanda durante il colloquio.

Il punto fondamentale è che non c’è bisogno di condividere di più. Se pensi di aver già mostrato al team di assunzione perché sei un ottimo candidato per il ruolo e non vuoi aggiungere altro, allora di’ semplicemente “Penso che abbiamo coperto gli argomenti importanti! Grazie comunque per l’interessamento”.

Per saperne di più su questa domanda di colloquio, leggi qui.

Prepararsi: cosa aspettarsi in un colloquio finale

Durante il colloquio finale, dovrai aspettarti domande più ampie e di livello superiore sulla tua storia professionale, sui tuoi interessi, su ciò che ti motiva e sul perché sei interessato a questo particolare lavoro e a questa azienda. È probabile che il team di assunzione abbia stabilito che sei in grado di svolgere il lavoro in un precedente colloquio, quindi questa fase finale del colloquio di lavoro serve più che altro a capire se sei adatto a livello culturale e se vogliono lavorare con te! Il colloquio finale è di solito con un membro del senior management, come un direttore, un dirigente o l’amministratore delegato. In un’azienda più piccola è più probabile che tu parli con l’amministratore delegato, mentre in un’azienda più grande puoi aspettarti che il colloquio finale sia con un direttore, un dirigente, ecc. Se stai facendo un colloquio per una posizione di livello inferiore (ad esempio, un ruolo entry-level), il tuo colloquio finale potrebbe avvenire solo con il responsabile delle assunzioni, ad esempio la persona che sarà il tuo capo diretto se sarai assunto.

Il colloquio finale è solo una formalità?

Il colloquio finale non è solo una formalità. Spesso i datori di lavoro hanno più candidati alla fase finale che stanno prendendo in considerazione per il posto e le tue risposte al colloquio finale possono determinare chi otterrà la posizione. Devi prendere sul serio il colloquio finale e pensare che l’offerta di lavoro è in gioco, sia che tu stia parlando con l’amministratore delegato, con un altro dirigente o con il responsabile delle assunzioni.

Suggerimento finale per il colloquio: ai manager di alto livello interessano i risultati di alto livello

Ora che sai quali sono le 11 domande più comuni per un colloquio di lavoro e cosa aspettarti in un colloquio finale, c’è un altro consiglio importante che devi sapere… Se stai parlando con un amministratore delegato o un dirigente, a loro interessano il quadro generale e i grandi risultati. Non sono quindi le persone con cui parlare dei dettagli più seri (a meno che non lo chiedano direttamente). Cerca di parlare dell’impatto più ampio che avrà il tuo lavoro. In che modo aiuterai la loro azienda o il loro reparto a crescere, a guadagnare, a risparmiare, ecc.? Ad esempio, se stai facendo un colloquio per una posizione di Social Media Manager, al CEO dell’azienda NON interessa guadagnare nuovi follower, ottenere più like su un post, ottenere più retweet o altro. Si preoccupano di portare nuovi contatti e clienti all’interno dell’azienda, di aumentare le entrate o i profitti, ecc. Quindi, più riesci a parlare di questi risultati di alto livello durante i colloqui di lavoro, meglio sarà. Questo vale in generale per i colloqui di lavoro, ma diventa più importante quando si parla con persone di livello superiore dell’organizzazione.

Per concludere

Se hai letto tutto quanto sopra, ora sai come avere successo nei colloqui finali. Sai cosa cercano i datori di lavoro, quali sono le domande più comuni per il colloquio finale a cui prepararsi e gli errori da evitare. Come passo successivo, ti consiglio di esercitarti a casa sulle risposte e di preparare almeno due buone domande da fare sul lavoro o sull’azienda. Inoltre, rivedi il tuo curriculum e gli argomenti che hai trattato nei colloqui precedenti. Se stai parlando con qualcuno di nuovo, potrebbe ripetere domande che hai già sentito e tutti gli argomenti precedenti sono validi! Se in passato hai avuto difficoltà con una domanda o un argomento, ripassali! Se il team delle risorse umane e il responsabile delle assunzioni hanno chiesto qualcosa, anche il CEO potrebbe interessarsi allo stesso argomento. Questa è l’occasione per rafforzare i punti deboli e mettere in pratica tutto ciò che non è stato spiegato bene in precedenza!

Se segui questi consigli, otterrai risultati migliori nel colloquio finale e sarai assunto per lavori migliori!

 


Biron Clark

Sull'autore

Leggi altri articoli di: Biron Clark


Generatore di curriculum 100% gratuito

Non è richiesta alcuna iscrizione o pagamento.